Home In evidenza La guerra impazza e le sanzioni colpiscono solo i dimenticati

La guerra impazza e le sanzioni colpiscono solo i dimenticati

by Nik Cooper

Lunedì gli Stati Uniti hanno impedito al governo russo di pagare ai detentori del suo debito sovrano più di 600 milioni di dollari dalle riserve detenute presso le banche americane, in una mossa destinata ad aumentare la pressione su Mosca e ad intaccare i suoi averi di dollari USA.

In base alle sanzioni messe in atto dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, le riserve di valuta estera detenute dalla banca centrale russa presso le istituzioni finanziarie statunitensi sono state congelate.

Ma il Dipartimento del Tesoro aveva consentito al governo russo di utilizzare quei fondi per effettuare pagamenti di cedole sul debito sovrano denominato in dollari, caso per caso.

Lunedì, quando il più grande dei pagamenti era dovuto, incluso un pagamento principale di $ 552,4 milioni su un’obbligazione in scadenza, il governo degli Stati Uniti ha deciso di interrompere l’accesso di Mosca ai fondi congelati, secondo un portavoce del Tesoro degli Stati Uniti.

Lunedì era dovuto anche il pagamento di una cedola di $ 84 milioni su un’obbligazione in dollari sovrani del 2042.

La mossa aveva lo scopo di costringere Mosca a prendere la difficile decisione se utilizzare i dollari a cui ha accesso per i pagamenti del proprio debito o per altri scopi, incluso il sostegno al suo sforzo bellico, ha affermato il portavoce.

“La Russia deve scegliere tra il prosciugamento delle preziose riserve di dollari rimanenti o nuove entrate in entrata, o il default”, ha affermato il portavoce.

JPMorgan Chase & Co, che finora aveva elaborato i pagamenti come banca corrispondente, è stata fermato dal Tesoro.

La banca corrispondente elabora i pagamenti delle cedole dalla Russia, inviandoli all’agente di pagamento per distribuirli agli obbligazionisti esteri.

Il paese ha un periodo di grazia di 30 giorni per effettuare il pagamento, ha affermato la fonte.

L’aumento della pressione arriva quando gli Stati Uniti e l’Europa stanno pianificando nuove sanzioni questa settimana per punire Mosca per le uccisioni di civili in Ucraina.

La Russia definisce la sua mossa in Ucraina una “operazione militare speciale”. L’Ucraina e l’Occidente affermano che l’invasione è stata illegale e ingiustificata. Le immagini brucianti di una fossa comune e dei corpi legati di persone uccise a distanza ravvicinata hanno suscitato una protesta internazionale lunedì.

La Russia, che ha un totale di 15 obbligazioni internazionali in circolazione per un valore nominale di circa 40 miliardi di dollari, è riuscita finora a evitare di insolvere sul suo debito internazionale nonostante le sanzioni occidentali senza precedenti. Ma il compito è sempre più difficile.

La Russia è stata autorizzata l’ultima volta a pagare una cedola di $ 447 milioni su un’obbligazione in dollari sovrani del 2030, in scadenza giovedì scorso, almeno il quinto pagamento di questo tipo dall’inizio della guerra.

Se la Russia non effettua alcuno dei suoi imminenti pagamenti obbligazionari entro i tempi predefiniti, o paga in rubli dove sono specificati dollari, euro o un’altra valuta, costituirà un default. Ma non è tutto oro quello che luccica.

Di sicuro dopo questa guerra a Putin non tange essere etichettato anche come un cattivo pagatore, inoltre, la ricchezza della Russia, data dalle materie prime arrivate alle stelle, ci indica che essa è molto più lontana dal default di quanto non lo siano altri stati.

Sebbene la Russia non sia in grado di accedere ai mercati finanziari internazionali a causa delle sanzioni dell’Occidente, un’inadempienza le vieterebbe di accedere a quei mercati fino a quando i creditori non saranno completamente rimborsati e tutte le cause legali derivanti dall’inadempienza non saranno risolte. Ma qui ci si dimentica di un fatto assolutamente non secondario: La guerra è la guerra e fare leva sulla correttezza dei pagamenti mentre la gente civile continua a morire è l’ennesima buffonata elaborata dall’occidente per non “fermare Putin” e per rendere sempre più poveri noi altri.

Serve un ponte per elaborare trattative di pace. Basta veti e muri! Se le sanzioni vengono fatte per stimolare una trattativa di pace è un bene.

Al contrario, invece, se vengono utilizzate con l’obiettivo di impoverire sempre di più i dimenticati della società, cosa che sta accadendo proprio in questo momento, non è accettabile, ed è necessario fare qualcosa al più presto, altrimenti, i venti di primavera auspicati non soffieranno solo a Mosca ma anche a Roma e a Bruxelles.

Potrebbe interessarti

1 comment

CITI FABIANO 5 Aprile 2022 - 20:02

La cosa che salta agli occhi è, gli Stati Uniti impongono sanzioni, l’Europa le approva, la Russia è il destinatario ma a pagarne le conseguenze è chi sta nel mezzo, l’Europa.
Cosa può dare un fallimento ad uno stato che tutti vogliono tagliati fuori, cosa può interessare che, nulla…
Fallito o, non fallito sarà sempre uno stato cattivo e, non gli cambia nulla se paga o non paga.
A noi, Europa invece ci tocca e non poco….

Reply

Lascia un commento