Home Cronaca La Corea del Nord conduce un test missilistico nelle acque del Giappone

La Corea del Nord conduce un test missilistico nelle acque del Giappone

by Freelance

Di Mirko Fallacia

Martedì la Corea del Nord, armata di bombe nucleari, ha lanciato un missile balistico sul Giappone per la prima volta in cinque anni. Ai residenti è stato chiesto di mettersi al riparo ed è stata sospesa temporaneamente la ferrovia nel nord del Giappone.

Il governo giapponese ha avvertito i cittadini di mettersi al riparo poiché il missile sembrava aver sorvolato e oltrepassato il suo territorio prima di cadere nell’Oceano Pacifico.

È stato il primo missile nordcoreano a seguire una tale traiettoria dal 2017 e Tokyo ha affermato che la sua portata di 4.600 km potrebbe essere stata la distanza più lunga percorsa per un volo di prova nordcoreano, che è più spesso “sospeso” più in alto nello spazio per evitare di sorvolare i paesi vicini.

L’ultimo lancio è stato il quinto di Pyongyang in 10 giorni, tra la flessione dei muscoli militari da parte di Stati Uniti, Corea del Sud e Giappone.

La scorsa settimana, i tre paesi hanno condotto esercitazioni trilaterali anti-sottomarino che includevano una portaerei statunitense, che ha fatto scalo in Corea del Sud per la prima volta dal 2017.

Test recenti hanno ottenuto risposte relativamente modeste da Washington, che si concentra sulla guerra in Ucraina e su altre crisi interne ed estere, ma le forze armate statunitensi hanno intensificato le dimostrazioni di forza nella regione.

Tokyo ha detto che non ci sono volute misure per abbattere il missile. Il ministro della Difesa Yasukazu Hamada ha affermato che il Giappone non escluderebbe alcuna opzione, comprese le capacità di contrattacco, poiché cerca di rafforzare le sue difese di fronte ai ripetuti lanci di missili dalla Corea del Nord. La Corea del Sud ha anche affermato che rafforzerà le sue forze armate e aumenterà la cooperazione alleata.

Gli Stati Uniti hanno dichiarato di condannare fermamente la decisione “pericolosa e sconsiderata” della Corea del Nord di lanciare un missile balistico a lungo raggio sul Giappone.

Funzionari a Tokyo e Seoul hanno detto che il missile ha volato tra 4.500 e 4.600 chilometri a un’altitudine massima di circa 1.000 km.

Il Joint Chiefs of Staff (JCS) della Corea del Sud ha affermato che sembrava essere un missile balistico a raggio intermedio (IRBM) lanciato dalla provincia di Jagang, nella Corea del Nord. La Corea del Nord ha utilizzato quella provincia per lanciare diversi test recenti, inclusi più missili che affermava fossero “ipersonici”.

I dettagli del volo iniziale suggeriscono che il missile potrebbe essere stato l’IRBM Hwasong-12, che la Corea del Nord ha svelato nel 2017 come parte del suo piano minacciato di colpire le basi militari statunitensi a Guam, ha affermato Kim Dong-yup, un ex ufficiale della Marina sudcoreana che ora insegna all’Università di Kyungnam.

L’Hwasong-12 è stato utilizzato nei test del 2017 che hanno sorvolato il Giappone e Kim ha notato che è stato anche testato dalla provincia di Jagang a gennaio.

Lanciare un missile a una distanza così lunga consente agli scienziati della Corea del Nord di testare i missili in condizioni più realistiche.

“Politicamente, è complicato: il missile vola in gran parte al di fuori dell’atmosfera quando è sopra il Giappone, ma è ovviamente angosciante per il pubblico giapponese ricevere avvisi di un possibile missile nordcoreano in arrivo”.

La raffica di test missilistici della Corea del Nord aiuta a rendere più operative le sue armi, a sviluppare nuove capacità e invia il messaggio che lo sviluppo è un diritto sovrano, hanno affermato gli analisti.

I programmi missilistici e nucleari della Corea del Nord sono vietati dalle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che hanno imposto sanzioni al Paese.

Il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol ha definito il test “sconsiderato” e ha affermato che avrebbe portato una risposta decisiva da parte dell’esercito del suo Paese, dei suoi alleati e della comunità internazionale.

Il presidente ha spinto per una maggiore forza militare organizzata per scoraggiare il Nord e, inoltre, la Corea del Sud ha anche organizzato sabato il proprio spettacolo di armi avanzate in occasione della Giornata delle forze armate, inclusi lanciarazzi multipli, missili balistici, carri armati principali, droni e caccia F-35.

Parlando con i giornalisti a Tokyo, il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha definito “barbariche” le azioni della Corea del Nord e ha affermato che il governo continuerà a raccogliere e analizzare informazioni.

Il lancio sul Giappone “non è stato un percorso produttivo in avanti”, ma Washington è rimasta aperta ai colloqui, ha detto Daniel Kritenbrink, il massimo diplomatico statunitense per l’Asia orientale, durante un evento online ospitato dall’Institute for Corean-American Studies.

Infine il Nord ha completato i preparativi per un test nucleare che potrebbe essere fatto tra il Congresso del Partito Comunista Cinese di questo mese e le elezioni di medio termine negli Stati Uniti a novembre.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento