Home Attualità La BCE segnala un aumento dei tassi, ma la stangata arriva a settembre

La BCE segnala un aumento dei tassi, ma la stangata arriva a settembre

by Freelance

Di Gaia Marino

Giovedì la Banca centrale europea ha interrotto un programma di stimolo di lungo periodo e ha segnalato che il mese prossimo effettuerà il suo primo aumento dei tassi di interesse dal 2011, seguito da un movimento potenzialmente più ampio a settembre se l’inflazione non si raffredda.

Con l’inflazione al massimo storico dell’8,1% e ancora in aumento, la BCE ora teme che la crescita dei prezzi si stia allargando e potrebbe trasformarsi in una spirale salari-prezzi difficile da spezzare, annunciando una nuova era di prezzi ostinatamente più alti.

La banca centrale dei 19 paesi che utilizzano l’euro ha dichiarato che terminerà gli acquisti di obbligazioni il 1° luglio, quindi aumenterà i tassi di interesse di 25 punti base alla fine del mese.

Aumenterà di nuovo a settembre e potrebbe optare per una mossa più ampia: un aumento di 50 punti base che sarebbe il più grande aumento una tantum dal giugno 2000.

“Faremo in modo che l’inflazione torni al nostro obiettivo del 2% nel medio termine”, ha affermato la presidente della BCE Christine Lagarde durante una conferenza stampa. “Non è solo un passo, è un viaggio”, ha detto a proposito delle mosse segnalate giovedì.

Il rapido aumento dell’inflazione è stato inizialmente trainato dai prezzi dell’energia e dei generi alimentari quando le economie sono emerse dal blocco del COVID-19, ma l’invasione russa dell’Ucraina ha accelerato queste tendenze.

L’entità degli aumenti dei tassi per frenare la crescita dei prezzi è stata oggetto di un intenso dibattito da parte dei responsabili politici della BCE, con il capo economista Philip Lane che ha preferito mosse di 25 punti base a luglio e settembre, ma altri sostengono che si debbano prendere in considerazione 50 punti base per far fronte alla crisi finanziaria.

A sostegno della loro tesi, la BCE ha alzato ancora una volta le sue proiezioni sull’inflazione, prevedendo ora un’inflazione al 6,8% quest’anno rispetto a una precedente previsione del 5,1%.

Nel 2023 l’inflazione sarà al 3,5% e nel 2024 al 2,1%, indicando quattro anni consecutivi di superamento dell’inflazione.

“Il Consiglio direttivo prevede che sarà appropriato un percorso graduale ma sostenuto di ulteriori aumenti dei tassi di interesse”, afferma la dichiarazione di politica monetaria della BCE. “L’inflazione elevata è una sfida importante per tutti noi.

I mercati sono passati al prezzo di 143 punti base di rialzi dei tassi entro la fine di quest’anno in seguito alla dichiarazione, rispetto ai 138 punti base precedenti, o un aumento ad ogni riunione di luglio, con alcuni movimenti superiori a 25 punti base.

Stanno inoltre prevedendo 230 punti base combinati di movimenti del tasso sui depositi entro la fine del 2023, portando il picco del tasso di interesse vicino al 2%.

Ciò ha lasciato la presidente della BCE Christine Lagarde, che pochi mesi fa ha affermato che un rialzo dei tassi quest’anno era altamente improbabile, in una posizione difficile durante la sua conferenza stampa di giovedì.

Tuttavia ha mostrato poca esitazione, sottolineando più volte come la banca avesse pianificato di aumentare gradualmente i tassi in occasione delle prossime riunioni.

Ha anche promesso di non permettere che i costi finanziari dei paesi dell’ex crisi del debito della zona euro vengano nuovamente spinti selvaggiamente più in alto dai mercati finanziari. “Siamo impegnati!” ha detto Lagarde.

Il primo aumento dei tassi della BCE in oltre un decennio la lascerà ancora in coda alla maggior parte dei suoi omologhi globali, tra cui la Federal Reserve statunitense e la Banca d’Inghilterra, che hanno alzato in modo aggressivo promettendo ancora più aumenti.

A differenza della Fed, anche la BCE non ha in programma di ridurre il proprio bilancio con i politici che riaffermano il loro impegno a continuare a reinvestire la liquidità in scadenza dai 5 trilioni di euro di debito pubblico e privato detenuto dalla BCE.

Sebbene l’inizio dell’inasprimento delle politiche sia ora fissato, il punto finale rimane incerto.

Lagarde ha affermato che i tassi dovrebbero spostarsi verso il punto neutro in cui la BCE non simula né frena la crescita. Ma questo livello è indefinito e non osservabile, lasciando gli investitori nel marasma più totale poiché non riescono a capire fino a che punto vuole spingersi la BCE.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento