Home In evidenza Khalid Sheikh Mohammed, la mente dietro l’11 settembre è in attesa di processo

Khalid Sheikh Mohammed, la mente dietro l’11 settembre è in attesa di processo

by Nik Cooper

L’uomo accusato di aver ordito il complotto devastante per far volare aerei di linea dirottati verso i punti chiave degli Stati Uniti 20 anni fa è rinchiuso in attesa di processo. Ma poteva essere fermato anni prima?

Frank Pellegrino era seduto in una stanza d’albergo in Malesia quando ha visto le immagini televisive degli aerei che si schiantavano contro le Torri Gemelle. La prima cosa che pensò fu: “Mio Dio, deve essere Khalid Sheikh Mohammed”.

L’obiettivo e le ambizioni erano una partita e Pellegrino era in una posizione unica per saperlo.

L’ex agente speciale dell’FBI ha perseguitato Mohammed per quasi tre decenni, ma la presunta mente dell’11 settembre deve ancora affrontare la giustizia. Un avvocato di Mohammed ha detto che potrebbero passare altri 20 anni prima che il caso si concluda.

Osama Bin Laden, all’epoca leader di al-Qaeda, è l’uomo più strettamente associato agli attacchi dell’11 settembre. Ma la realtà era che Mohammed – o “KSM” come divenne noto – era il “principale architetto”, secondo la Commissione sull’11 settembre che ha indagato sugli attacchi. È stato l’uomo che ha avuto l’idea e l’ha portata ad al-Qaeda.

Nato in Kuwait, ha studiato in America prima di combattere in Afghanistan negli anni ’80. Anni prima dell’attacco dell’11 settembre, l’agente dell’FBI Frank Pellegrino era sulle tracce del jihadista.

Pellegrino era stato incaricato dall’FBI di indagare sull’attentato del 1993 al World Trade Center. Fu lì che il nome di Mohammed venne per la prima volta all’attenzione delle autorità statunitensi perché aveva effettuato un trasferimento di denaro a una delle persone coinvolte.

L’agente dell’FBI ha realizzato la portata dell’ambizione di Mohammed nel 1995, quando è stato collegato a un complotto per far esplodere più aerei di linea internazionali nel Pacifico. A metà degli anni ’90, Pellegrino era andato vicino a prendere il suo uomo, rintracciandolo in Qatar.

Lui e una squadra sono andati in Oman da dove avevano pianificato di attraversare il Qatar e arrestare Mohammed. Un aereo era pronto per riportare indietro il sospetto. Ma c’è stata resistenza da parte dei diplomatici statunitensi sul campo. Pellegrino è andato in Qatar e ha detto all’ambasciatore e ad altri funzionari dell’ambasciata che aveva un’accusa contro Mohammed per il complotto che coinvolgeva gli aerei di linea. Ma dice che sembravano diffidenti nel causare problemi nel paese. “Immagino che pensassero che forse questo rishciava di scuotere la barca”, ricorda Pellegrino.

Alla fine l’ambasciatore ha informato Pellegrino che i funzionari del Qatar hanno affermato di aver perso Mohammed. “C’era angoscia e c’era rabbia e frustrazione”, dice. “Sapevamo che all’epoca era un’occasione mancata”.

Ma riconosce che a metà degli anni ’90 Mohammed non era visto come un obiettivo prioritario. Pellegrino non è nemmeno riuscito a farlo entrare nella Top Ten dei più ricercati d’America. “Mi è stato detto che ci sono già troppi terroristi in quella Top Ten”, spiega Pellegrino.

Sembra che Mohammed sia stato informato dell’interesse degli Stati Uniti nei suoi confronti ed è fuggito dal Qatar, finendo in Afghanistan.

Negli anni successivi il nome di KSM ha continuato a spuntare, spesso negli elenchi telefonici di sospetti terroristi arrestati in tutto il mondo, mettendo in chiaro che era ben collegato. Fu durante questi anni che si recò a Bin Laden con l’idea di addestrare i piloti a far volare gli aerei negli Stati Uniti.

E poi è successo l’11 settembre. I sospetti di Pellegrino sul ruolo di KSM si sarebbero dimostrati giusti quando una figura chiave di al-Qaeda in custodia lo avrebbe identificato. “Tutti si sono resi conto che era stato il ragazzo di Frank a farlo. Quando abbiamo scoperto che era lui, non c’era nessuno più infelice di me”, ricorda Pellegrino.

Nel 2003, Mohammed è stato rintracciato e arrestato in Pakistan. Pellegrino sperava di essere processato in base all’accusa a cui aveva lavorato. Ma poi è scomparso. La CIA lo aveva portato in un “sito nero” dove venivano utilizzate “tecniche di interrogatorio avanzate”. “Voglio sapere cosa sa lui, e voglio saperlo in fretta”, disse all’epoca un alto funzionario della CIA.

Mohammed è stato sottoposto a waterboarding almeno 183 volte, qualcosa descritto come “quasi annegamento”. È stato sottoposto a reidratazione rettale, posizioni stressanti, privazione del sonno, nudità forzata e ha detto che i suoi figli sarebbero stati minacciati di morte.

Avrebbe confessato a più trame durante quel periodo. Ma un rapporto del Senato in seguito ha scoperto che gran parte delle informazioni presumibilmente prodotte erano state inventate dal detenuto.

Dopo che i dettagli del programma di detenzione della CIA sono stati rivelati, “detenuti di alto valore” come Mohammed sono stati trasferiti a Guantanamo Bay nel 2006. L’FBI ha finalmente avuto accesso. Nel gennaio 2007 Frank Pellegrino si è trovato faccia a faccia con l’uomo che aveva inseguito per così tanto tempo.

Gli uomini sedevano uno di fronte all’altro al tavolo. “Volevo fargli sapere che ero stato coinvolto nell’incriminazione negli anni ’90”, dice, nella speranza di aprire la conversazione per estrarre informazioni sull’11 settembre.

L’ex uomo dell’FBI non rivelerà i dettagli di ciò che è stato detto, ma ha ammesso “è un ragazzo molto simpatico con un senso dell’umorismo, che ci crediate o no”.

KSM è stato spesso visto “in grande stile” alle udienze a Guantanamo e Pellegrino descrive il sospetto terrorista più famigerato del mondo come “Kardashian” nella sua brama di attenzione, ma dice di non mostrare alcun rimorso.

Avrebbe confessato o avrebbe voluto sfruttare al meglio un processo? “Certamente penso che sia d’accordo con quello che ha fatto, ma gli piace lo spettacolo”, dice.

Dopo sei giorni di conversazione, Mohammed ha finalmente detto che ne aveva avuto abbastanza. “E così è stato”, ricorda Pellegrino.

I successivi tentativi di rendere giustizia per l’11 settembre sono falliti. Un piano per tenere un processo a New York ha vacillato dopo l’opposizione pubblica e politica. “Tutti urlavano ‘Non voglio questa persona nel mio cortile. Tienetelo a Guantanamo'”, dice Pellegrino, anch’egli newyorkese.

Poi venne un tribunale militare a Guantanamo. Ma i ritardi procedurali, aggravati dalla pandemia di Covid che ha chiuso la base, lo hanno reso un processo lungo. Altre udienze si stanno svolgendo questa settimana, ma la fine sembra molto lontana.

L’avvocato di Mohammed crede che le ultime udienze siano programmate per mostrare ai media che sta succedendo qualcosa nel 20° anniversario dell’11 settembre. David Nevin ha detto che si aspetta “qualcosa nell’ordine dei 20 anni per una risoluzione completa del processo”.

L’avvocato della difesa penale si è occupato del caso da quando è iniziato nel 2008. Il piano originale era di iniziare i processi quasi immediatamente. Ma non sono ancora nemmeno vicini all’inizio, dice, osservando che un giudice appena nominato è “l’ottavo o il nono giudice che abbiamo avuto” a seconda di come si contano.

Il giudice deve familiarizzare con circa 35.000 pagine di trascrizioni di precedenti udienze e migliaia di mozioni in quello che Nevin descrive come “il più grande processo penale nella storia degli Stati Uniti”. E il più controverso.

Ciò è dovuto principalmente al fatto che i cinque imputati sono stati tutti tenuti in detenzione segreta dalla CIA e sottoposti a “tecniche di interrogatorio avanzate”.

Ciò ha portato a discussioni sul fatto che le prove siano state contaminate da ciò che è accaduto nei cosiddetti siti neri.

Gli Stati Uniti “hanno organizzato e attuato un programma chiaramente definito per torturare questi uomini”, afferma Nevin. Questi metodi offrono ampio spazio per potenziali ricorsi contro eventuali condanne che si trascinano da anni.

Nevin non rivelerà i dettagli di cosa significhi rappresentare uno degli imputati più famosi al mondo. Dice che inizialmente il suo cliente era “profondamente scettico” di essere rappresentato da un avvocato americano, quindi c’è stato un lungo processo per conoscersi.

Quando Mohammed è stato trattenuto in una parte top secret della base navale, gli avvocati sono stati messi in un furgone con i finestrini oscurati e portati in giro per 45 minuti per disorientarli, dice. Ma ora il suo cliente è rinchiuso nel meno segreto Campo 5.

Il team legale è consapevole della sensibilità delle famiglie delle vittime dell’11 settembre che sono andate a partecipare alle udienze del tribunale. Durante le riunioni alcuni membri della famiglia sfideranno avvocati come Nevin a rappresentare gli imputati, ma altri faranno domande su come funziona il processo.

“Lavoriamo molto duramente per non fare nulla che possa esacerbare il dolore e la sofferenza che hanno sperimentato nel corso degli anni”, afferma Nevin.

Un’altra ragione per cui crede che il tribunale abbia temporeggiato è perché si tratta di un caso di pena di morte e questo alza la posta in gioco. “Sarebbe finita molto tempo fa se il governo non avesse cercato di giustiziare questi uomini”.

Ora l’agente speciale Pellegrino veterano ha raggiunto l’età pensionabile e ha appena lasciato l’FBI. Dopo aver attraversato il mondo alla ricerca di indizi su Mohammed, ora sente un forte senso di fallimento, chiedendosi se catturarlo negli anni ’90 avrebbe potuto prevenire l’11 settembre. “Il suo nome mi viene in mente ogni giorno e non è un pensiero piacevole”, dice. “Il tempo aiuta a guarire le cose. Ma è quello che è”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento