Home In evidenza Keynes previde il caos economico e politico. Pochi anni dopo prese piede il nazismo

Keynes previde il caos economico e politico. Pochi anni dopo prese piede il nazismo

by Freelance

Di Eugenio Magnoli

Al Palazzo di Versailles fuori Parigi, la Germania firma il Trattato di Versailles con gli Alleati, ponendo ufficialmente fine alla prima guerra mondiale. L’economista inglese John Maynard Keynes, che aveva partecipato alla conferenza di pace ma poi se ne andò per protestare contro il trattato, fu uno dei i critici più espliciti dell’accordo punitivo.

Nel suo The Economic Consequences of the Peace, pubblicato nel dicembre 1919, Keynes predisse che le dure riparazioni di guerra e altre dure condizioni imposte alla Germania dal trattato avrebbero portato al collasso finanziario del paese, che a sua volta avrebbe avuto gravi conseguenze economiche e politiche ripercussioni sull’Europa e sul mondo.

Nell’autunno del 1918, era evidente ai leader della Germania che la sconfitta era inevitabile nella prima guerra mondiale. Dopo quattro anni di terribile logoramento, la Germania non aveva più gli uomini o le risorse per resistere agli Alleati, che avevano ricevuto un enorme impulso dall’infusione di manodopera e forniture americane.

Per evitare un’invasione alleata della Germania, il governo tedesco contattò il presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson nell’ottobre 1918 e gli chiese di organizzare un armistizio generale. All’inizio di quell’anno, Wilson aveva proclamato i suoi “Quattordici punti”, che proponevano i termini per una “pace giusta e stabile” tra la Germania e i suoi nemici.

I tedeschi chiesero che l’armistizio fosse stabilito in questi termini, e gli alleati più o meno acconsentirono, assicurando alla Germania un trattato di pace finale equo e disinteressato. L’11 novembre 1918, l’armistizio fu firmato ed entrò in vigore, e i combattimenti nella prima guerra mondiale si conclusero.

Nel gennaio 1919, John Maynard Keynes si recò alla Conferenza di pace di Parigi come principale rappresentante del Tesoro britannico. Il brillante economista di 35 anni aveva già ottenuto consensi per il suo lavoro con la valuta indiana e la sua gestione delle finanze britanniche durante la guerra.

A Parigi, si sedette in un consiglio economico e consigliò il primo ministro britannico David Lloyd George, ma le importanti decisioni di pacificazione erano fuori dalle sue mani e il presidente Wilson, il primo ministro Lloyd George e il primo ministro francese Georges Clemenceau esercitavano la vera autorità. La Germania non aveva alcun ruolo nei negoziati che decidevano il suo destino e le potenze alleate minori avevano poche responsabilità nella stesura del trattato finale.

Divenne presto evidente che il trattato avrebbe avuto solo una vaga somiglianza con i Quattordici punti che erano stati proposti da Wilson e abbracciati dai tedeschi. Wilson, un grande idealista, aveva poche capacità negoziali e presto cedette alla pressione di Clemenceau, che sperava di punire la Germania con la stessa severità con cui aveva punito la Francia nel Trattato di Francoforte che pose fine alla guerra franco-prussiana nel 1871.

Lloyd George prese la via di mezzo tra i due uomini, ma appoggiò il piano francese per costringere la Germania a risarcire i danni inflitti ai civili alleati e alle loro proprietà. Poiché il trattato riteneva ufficialmente la Germania responsabile dello scoppio della prima guerra mondiale (in realtà era solo parzialmente responsabile), gli Alleati non avrebbero dovuto pagare risarcimenti per i danni inflitti ai civili tedeschi.

Il trattato che iniziò a emergere fu una pace cartaginese sottilmente velata, un accordo che realizzò la speranza di Clemenceau di schiacciare il vecchio rivale della Francia. Secondo i suoi termini, la Germania doveva cedere il 10 percento del suo territorio.

Doveva essere disarmato e il suo impero d’oltremare preso in consegna dagli Alleati. La cosa più dannosa per l’immediato futuro della Germania, tuttavia, fu la confisca delle sue partecipazioni finanziarie estere e della sua flotta mercantile. L’economia tedesca, già devastata dalla guerra, fu così ulteriormente azzoppata, e le dure riparazioni di guerra richieste assicurarono che non sarebbe presto tornata in piedi.

Una cifra finale per le riparazioni non è stata concordata nel trattato, ma le stime hanno posto l’importo superiore a $ 30 miliardi, ben oltre la capacità di pagamento della Germania. La Germania sarebbe soggetta all’invasione se rimanesse indietro con i pagamenti.

Keynes, inorridito dai termini del trattato emergente, presentò ai leader alleati un piano in cui il governo tedesco avrebbe ricevuto un prestito consistente, consentendogli così di acquistare cibo e materiali e iniziare immediatamente i pagamenti delle riparazioni.

Lloyd George approvò il “Piano Keynes”, ma il presidente Wilson lo rifiutò perché temeva che non avrebbe ricevuto l’approvazione del Congresso. In una lettera privata a un amico, Keynes definì il presidente americano idealista “la più grande frode sulla terra”.

Il 5 giugno 1919, Keynes scrisse una nota a Lloyd George informando il primo ministro che si stava dimettendo dal suo incarico per protestare contro l’imminente “devastazione dell’Europa”.

I tedeschi inizialmente si rifiutarono di firmare il Trattato di Versailles, e ci volle un ultimatum da parte degli Alleati per portare la delegazione tedesca a Parigi il 28 giugno. Erano trascorsi cinque anni dall’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando, che iniziò la catena di eventi che portarono allo scoppio della prima guerra mondiale.

Clemenceau scelse il luogo per la firma del trattato: la Sala degli Specchi della Reggia di Versailles, luogo della firma del Trattato di Francoforte che pose fine alla guerra franco-prussiana. Alla cerimonia, il generale Jan Christiaan Smuts, presto presidente del Sudafrica, è stato l’unico leader alleato a protestare formalmente contro il Trattato di Versailles, dicendo che avrebbe arrecato grave danno alla rinascita industriale dell’Europa.

Su sollecitazione di Smuts, Keynes iniziò a lavorare su The Economic Consequences of the Peace. È stato pubblicato nel dicembre 1919 ed è stato ampiamente letto. Nel libro, Keynes fece una cupa profezia che avrebbe avuto particolare rilevanza per la prossima generazione di europei: “Se miriamo all’impoverimento dell’Europa centrale, la vendetta, oserei dire, non zoppicherà. Niente può dunque ritardare a lungo le forze della Reazione e le disperate convulsioni della Rivoluzione, davanti alle quali gli orrori della successiva guerra tedesca svaniranno nel nulla e distruggeranno, chiunque sarà vincitore, la civiltà e il progresso della nostra generazione”.

La Germania presto rimase irrimediabilmente indietro nei pagamenti delle riparazioni, e nel 1923 Francia e Belgio occuparono la regione industriale della Ruhr come mezzo per forzare il pagamento. In segno di protesta, lavoratori e datori di lavoro hanno chiuso le fabbriche della regione. Ne seguì un’inflazione catastrofica e la fragile economia tedesca iniziò rapidamente a crollare. Quando arrivò il crollo nel novembre 1923, una vita di risparmi non poteva comprare una pagnotta di pane. Quel mese, il partito nazista guidato da Adolf Hitler lanciò un fallito colpo di stato contro il governo tedesco. I nazisti furono schiacciati e Hitler fu imprigionato, ma molti tedeschi risentiti simpatizzavano con i nazisti e il loro odio per il Trattato di Versailles.

Un decennio dopo, Hitler avrebbe sfruttato questa continua amarezza tra i tedeschi per prendere il controllo dello stato tedesco. Negli anni ’30, il Trattato di Versailles fu significativamente rivisto e modificato a favore della Germania, ma questo emendamento tardivo non riuscì a fermare l’ascesa del militarismo tedesco e il successivo scoppio della seconda guerra mondiale.

Alla fine degli anni ’30, John Maynard Keynes si guadagnò la reputazione di principale economista mondiale sostenendo una pianificazione economica del governo su larga scala per mantenere bassa la disoccupazione e mantenere sani i mercati. Oggi, tutte le principali nazioni capitaliste aderiscono ai principi chiave dell’economia keynesiana. Morì nel 1946.

Mantenere per scelta un popolo povero o escludere una classe sociale dalla prosperità può essere assai pericoloso tanto da scatenare vere e proprie polveriere utili a dar vita a movimenti “della provvidenza” che, controllando le libertà e le coscienze, molto spesso e volentieri danno vita a rivoluzioni violente e sanguinose che degenerano sempre scatenando morte e degrado tra la razza umana.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento