Justice for Floyd: La giuria popolare condanna l’ex poliziotto Derek Chauvin per omicidio

L’ex ufficiale di polizia di Minneapolis Derek Chauvin è stato condannato martedì per l’omicidio di George Floyd, una pietra miliare nella dura storia razziale degli Stati Uniti e un rimprovero al trattamento riservato dalle forze dell’ordine ai neri americani.

Una giuria di 12 membri ha ritenuto Chauvin, 45 anni, colpevole di tutte e tre le accuse di omicidio di secondo grado, omicidio di terzo grado e omicidio colposo dopo aver considerato tre settimane di testimonianze di 45 testimoni, inclusi astanti, funzionari di polizia ed esperti medici. Le deliberazioni sono iniziate lunedì e sono durate poco più di 10 ore.

In uno scontro catturato in video, Chauvin, un veterano bianco delle forze di polizia, ha spinto il ginocchio sul collo di Floyd, un uomo di colore di 46 anni in manette, per più di nove minuti il ​​25 maggio 2020. Chauvin e tre colleghi ufficiali stavano tentando di arrestare Floyd, accusato di aver usato una banconota falsa da $ 20 per comprare sigarette in un negozio di alimentari.

I giurati sono rimasti immobili e silenziosi mentre il verdetto veniva guardato. Chauvin, che indossava un abito grigio con una cravatta blu e una maschera per il viso azzurra, ha annuito e si è alzato rapidamente quando il giudice ha stabilito che la sua cauzione era stata revocata. È stato portato fuori dall’aula in manette e posto sotto la custodia dello sceriffo della contea di Hennepin. La condanna ha innescato un’ondata di sollievo e riflessione non solo negli Stati Uniti ma in paesi di tutto il mondo.

Come spesso capita in queste situazioni, non mancano politici che marciano sul problema facendosi propaganda come paladini della giustizia e strenui difensori dei diritti, in testa a tutti troviamo il presidente Biden che dice: “È stato un omicidio in piena luce del giorno e ha strappato i paraocchi a tutto il mondo per vedere il razzismo sistemico”, ha detto il presidente Joe Biden in un discorso televisivo. “Questo può essere un passo da gigante nella marcia verso la giustizia in America”.

Anche Obama, che di certo non manca mai in queste occasioni, dice la sua: “Oggi una giuria ha fatto la cosa giusta. Ma la vera giustizia richiede molto di più. Michelle e io inviamo le nostre preghiere alla famiglia Floyd, e siamo con tutti coloro che si impegnano a garantire a ogni americano la piena misura di giustizia che George e tanti altri sono stati negati”.

Fuori dal tribunale, una folla di diverse centinaia di persone è esplosa in applausi quando è stato annunciato il verdetto – una scena che si è svolta nelle città di tutto il paese. I clacson delle auto hanno suonato, i manifestanti hanno bloccato il traffico e hanno cantato: “George Floyd”.

A George Floyd Square a Minneapolis, l’incrocio in cui Floyd è stato ucciso e che in seguito è stato chiamato in suo onore, la gente ha gridato, applaudito e alcuni hanno lanciato banconote da un dollaro in aria per festeggiare.

Mentre celebravano il verdetto, i manifestanti hanno chiesto giustizia nel caso di Daunte Wright, un uomo di colore che è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da un agente di polizia dopo un arresto del traffico di routine l’11 aprile, a poche miglia da dove Chauvin è stato processato. Kimberly Potter, che ha consegnato il suo distintivo, è stata accusata di omicidio colposo in quel caso.

Il fratello di George Floyd, Philonise, parlando in una conferenza stampa con diversi membri della famiglia, ha detto: “Riusciamo a respirare di nuovo” dopo il verdetto, ma ha aggiunto che la lotta per la giustizia non è finita.

“Dobbiamo protestare perché sembra che questo sia un ciclo senza fine”, ha detto.

‘PRIMO PASSO VERSO LA GIUSTIZIA’

Chauvin potrebbe ora affrontare fino a 40 anni di carcere. Mentre il sistema di giustizia penale degli Stati Uniti e le giurie hanno da tempo concesso margine di manovra e una certa protezione legale agli agenti di polizia che usano la violenza per sottomettere i civili, i giurati di Minneapolis hanno scoperto che Chauvin aveva oltrepassato il limite e usato una forza eccessiva.

La squadra di difesa di Chauvin non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento sul verdetto, ma si ritiene probabile che appellerà la condanna.

In un processo che si è aperto il 29 marzo, la difesa ha sostenuto che Chauvin si è comportato come qualsiasi “agente di polizia ragionevole” in quelle circostanze, e ha cercato di sollevare dubbi sulla causa della morte di Floyd.

Nei suoi commenti, Biden ha sottolineato il suo sostegno alla legislazione “per sradicare l’incostituzionalità della polizia”, ​​incluso il George Floyd Justice in Policing Act, che è stato approvato dalla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti e cerca di aumentare la responsabilità per la cattiva condotta delle forze dell’ordine.

La federazione degli ufficiali di polizia di Minneapolis ha dichiarato sul Minneapolis Star Tribune che “non ci sono vincitori in questo caso, e rispettiamo la decisione della giuria”, aggiungendo: “Dobbiamo fermare i commenti divisivi, e tutti dobbiamo fare meglio per creare una Minneapolis che tutti amiamo”.

L’intersezione tra razza e forze dell’ordine è stata a lungo controversa negli Stati Uniti, sottolineata da una serie di incidenti mortali che hanno coinvolto agenti di polizia bianchi e persone di colore negli ultimi anni.

La morte di Floyd ha provocato proteste contro il razzismo e la brutalità della polizia in molte città degli Stati Uniti e in altri paesi la scorsa estate, anche se il mondo era alle prese con la pandemia di coronavirus.

Biden e il vicepresidente Kamala Harris hanno assistito alla lettura del verdetto insieme al personale nella sala da pranzo privata della Casa Bianca, ha detto la Casa Bianca. Biden, Harris e la first lady Jill Biden hanno parlato con Philonise Floyd.

“Niente migliorerà le cose, ma almeno … ora c’è un po’ di giustizia”, ​​ha detto Biden alla famiglia Floyd, secondo un video pubblicato su Twitter.

Il procuratore generale del Minnesota Keith Ellison ha detto ai giornalisti che il verdetto è stato un “primo passo verso la giustizia” e dovrebbe servire da punto di partenza per la riforma della polizia. “Dobbiamo usare questo verdetto come punto di svolta”.

ORE DI TESTIMONIANZA

Secondo le linee guida sulla condanna del Minnesota, Chauvin rischia 12 anni e mezzo di carcere per la sua condanna per omicidio come un criminale per la prima volta.

I pubblici ministeri potrebbero chiedere una condanna più lunga fino a 40 anni se il giudice del distretto della contea di Hennepin Peter Cahill stabilisse che c’erano “fattori aggravanti”. Cahill ha detto che la condanna di Chauvin era probabilmente a otto settimane di distanza.

Il dipartimento di polizia di Minneapolis ha licenziato Chauvin e gli altri tre ufficiali il giorno dopo l’omicidio di Floyd. Gli altri tre dovrebbero affrontare un processo entro la fine dell’anno con l’accusa di favoreggiamento.

I testimoni chiamati dai pubblici ministeri includevano un cardiologo, un pneumologo e un patologo forense, che hanno testimoniato che i video e i risultati dell’autopsia hanno confermato che Chauvin ha ucciso Floyd facendolo morire per la mancanza di ossigeno.

Tra i testimoni dell’accusa c’era anche Darnella Frazier, un’adolescente che ha usato il suo cellulare per realizzare un video che ritraeva il calvario di Floyd – immagini che hanno catalizzato le successive proteste.

Altri testimoni oculari hanno descritto l’orrore e il trauma di aver visto Floyd morire davanti a loro. Il capo della polizia di Minneapolis Medaria Arradondo ha testimoniato che le azioni di Chauvin durante l’arresto hanno rappresentato una grave violazione della sua formazione.

I giurati, composti da quattro donne bianche, due uomini bianchi, tre uomini neri, una donna nera e due donne multirazziali, sono stati sequestrati durante le deliberazioni.

Related posts

Catania, il Congresso di Fratelli d’Italia rielegge Alberto Cardillo, Presidente provinciale del Partito. Le prime indiscrezioni sulle candidature alle Europee

A Catania grande mobilitazione del Pd con un incontro “Un’altra Sicilia. Sanità, Scuola, Sviluppo”

Intelligenza artificiale: imparare ad imparare