Il Senato degli Stati Uniti si muove sull’imponente disegno di legge sulla concorrenza cinese

Il Senato degli Stati Uniti mercoledì si è mosso per iniziare colloqui legislativi formali su un disegno di legge a lungo in stallo per pagare 52 miliardi di dollari in sussidi alla produzione di chip semiconduttori e aumentare la competitività degli Stati Uniti con la Cina.

Il Senato ha completato le votazioni su più di due dozzine di mozioni che affrontano una serie di questioni, inclusa la politica iraniana.

Sebbene le mozioni non siano vincolanti, trasmettono un’idea di ciò che i senatori vorrebbero vedere nel disegno di legge finale e cosa potrebbe impedirgli di ottenere abbastanza voti per diventare legge.

I legislatori della Camera e del Senato inizieranno ora i negoziati formali attraverso un processo noto come comitato della conferenza per elaborare un disegno di legge che possa passare entrambe le camere. I colloqui potrebbero durare mesi, dicono gli assistenti del Congresso.

Con i democratici che controllano per un pelo la Camera dei rappresentanti e il Senato, i repubblicani hanno utilizzato alcune mozioni per valutare gli sforzi del presidente Joe Biden per tornare all’accordo nucleare internazionale con l’Iran e ottenere l’approvazione con il sostegno di alcuni democratici.

I repubblicani si sono opposti all’unanimità all’accordo nucleare del 2015.

I senatori hanno votato 78 contro 17 per arenare una proposta del senatore Bernie Sanders che cercava di eliminare il linguaggio che avrebbe autorizzato lo sviluppo da 10 miliardi di dollari di un nuovo lander lunare per la NASA, una mossa vista come parte dello sforzo del senatore per annullare i fondi federali che potrebbero andare al miliardario di Blue Origin Jeff Bezos.

I senatori hanno votato 62-33 a favore di un’altra mozione che cerca di impedire all’amministrazione Biden di revocare la designazione terroristica per il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie iraniane, un ostacolo al rilancio del patto nucleare.

Il Senato ha anche votato 86-12 su una mozione secondo cui le sanzioni legate al terrorismo contro l’Iran sono necessarie per limitare la cooperazione tra Cina e Iran.

Tali disposizioni potrebbero complicare i delicati negoziati sull’accordo nucleare, anche se i funzionari occidentali hanno in gran parte perso la speranza che il patto possa essere resuscitato dopo che l’allora presidente repubblicano Donald Trump lo ha abbandonato nel 2018.

Potrebbero anche rendere più difficile l’approvazione del disegno di legge sui chip e sulla concorrenza cinese, che si sta facendo strada attraverso il Congresso per quasi un anno.

Un’altra mozione sponsorizzata dai repubblicani è stata approvata con un voto 49-47 che cercherebbe un linguaggio per impedire al presidente Joe Biden di usare il cambiamento climatico per dichiarare un’emergenza per espandere i poteri del ramo esecutivo.

Il Senato ha approvato per la prima volta una versione del disegno di legge sui chip semiconduttori e sulla concorrenza cinese a giugno, con un forte sostegno bipartisan.

Quel conto da 250 miliardi di dollari è stato accolto come l’intervento del governo più significativo nel settore manifatturiero degli ultimi decenni, ma è stato bloccato alla Camera.

La Camera ha approvato una versione nel febbraio 2022 che prevedeva $ 52 miliardi di finanziamenti in chip ma differenze significative su altre disposizioni.

Related posts

Intervista ad Andrea Orlando(Pd) “L’Europa non deve essere piegata sulla dimensione del rigore e dell’austerità”

Intervista all’on. Giuseppe Lupo: “Noi vogliamo l’Europa di David Sassoli, il quale diceva che ‘l’Europa deve innovare, proteggere ed essere faro”.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi è morto in un incidente in elicottero