Home Estero Il leader della Bielorussia mette in guardia sulle truppe della Nato in Ucraina

Il leader della Bielorussia mette in guardia sulle truppe della Nato in Ucraina

by Freelance

Di Mirko Fallacia

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha avvertito lunedì di una risposta congiunta con la Russia alle esercitazioni militari che coinvolgono truppe dei paesi membri della NATO nella vicina Ucraina.

Lukashenko, che non ha fornito dettagli sulla risposta, ha anche accusato l’Occidente di quella che ha definito un’incombente catastrofe umanitaria questo inverno dopo che i migranti sono rimasti bloccati e congelati al confine tra Bielorussia e Polonia.

L’Ucraina non è un membro dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, ma ha cercato a lungo una più stretta integrazione con le forze armate occidentali nella speranza di un giorno unirsi all’alleanza, una mossa osteggiata dal principale alleato della Bielorussia, la Russia.

La scorsa settimana l’Ucraina ha iniziato esercitazioni militari congiunte con le truppe degli Stati Uniti e di altri membri della NATO, mentre Russia e Bielorussia hanno tenuto esercitazioni su larga scala che hanno allarmato l’Occidente.

Lukashenko ha affermato di aver discusso più volte della situazione in Ucraina con il presidente russo Vladimir Putin e il Cremlino ha affermato lunedì che l’espansione delle infrastrutture militari della NATO in Ucraina ha superato la linea rossa per Putin.

“Vedi, stanno trascinando le truppe della NATO lì, in Ucraina. Con il pretesto di centri di addestramento, stanno effettivamente creando basi. Gli Stati Uniti stanno creando basi in Ucraina. È chiaro che dobbiamo reagire a questo”, ha detto Lukashenko in un incontro con i funzionari nel palazzo presidenziale di Minsk.

“Il presidente russo ed io abbiamo tenuto e stiamo tenendo consultazioni su questo tema e abbiamo concordato che si dovrebbe intraprendere qualche azione lì. Altrimenti, domani avremo una situazione inaccettabile proprio al confine tra Bielorussia e Russia”.

Le relazioni tra la Bielorussia e l’Occidente si sono deteriorate da quando Lukashenko ha represso le proteste di massa a seguito di un’elezione contestata nell’agosto 2020, innescando le sanzioni di Stati Uniti, Unione Europea e Gran Bretagna ma il sostegno di Mosca.

Anche la Bielorussia e i suoi vicini dell’UE si sono scambiati la colpa per la difficile situazione dei migranti. L’UE ha accusato Minsk di incoraggiare i migranti, principalmente dall’Iraq e dall’Afghanistan, ad attraversare i confini in rappresaglia per le sanzioni.

Tre migranti sono morti sul lato polacco del confine e un altro in Bielorussia questo mese. Venerdì è stata segnalata la quinta morte di un uomo iracheno sul lato polacco del confine, per un sospetto attacco di cuore. Lukashenko ha affermato che la Bielorussia ha trattato bene i migranti.

“Sì, li abbiamo vestiti, abbiamo portato loro della legna da ardere e degli scialli. Ma in inverno si sarebbero congelati”, ha detto Lukashenko. “Insomma: è una catastrofe umanitaria al confine”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento