Il G7 si compatta e mette alla berlina Pechino

Il Gruppo dei Sette ha chiesto legami “costruttivi” con la Cina e ha insistito sul fatto che non cerca di bloccare lo sviluppo del Paese, anche prendendo di mira i diritti e le rivendicazioni territoriali di Pechino.

Nel loro comunicato rilasciato sabato, i leader del G7 hanno trovato un equilibrio tra la ricerca della cooperazione in aree come il cambiamento climatico e il respingere la posizione sempre più assertiva di Pechino, che ha ribaltato le ipotesi vecchie di decenni sull’equilibrio di potere globale.

I leader dei 7 Paesi occidentali hanno affermato di non voler separarsi dalla Cina, ma hanno riconosciuto che la resilienza economica richiede “riduzione del rischio e diversificazione”.

“I nostri approcci politici non sono progettati per danneggiare la Cina né cerchiamo di ostacolare il progresso e lo sviluppo economico della Cina”, hanno affermato i leader del G7.

“Una Cina in crescita che rispetta le regole internazionali sarebbe di interesse globale”.

Ma il G7 – composto da Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti – ha affermato che avrebbe risposto alle sfide poste dalle “politiche e pratiche non di mercato” della Cina, contrastando le “pratiche maligne” e “favorire la resilienza alla coercizione economica”.

Il G7 ha anche espresso preoccupazione per le rivendicazioni di Pechino nei mari cinesi orientali e meridionali, nonché per le repressioni delle libertà a Hong Kong, Tibet e Xinjiang.

I leader del G7 hanno anche invitato la Cina a premere sulla Russia per porre fine alla sua guerra in Ucraina e per la risoluzione pacifica delle tensioni su Taiwan, che Pechino ha minacciato di riunificare con la forza con la terraferma cinese se necessario.

Yuichi Hosoya, professore di politica internazionale alla Keio University di Tokyo, ha descritto la dichiarazione come un “approccio molto equilibrato”.

“Questo approccio di riduzione del rischio, e non di disaccoppiamento, è l’approccio preferito dall’UE, e significava che non hanno adottato la politica americana di” disaccoppiamento “nei confronti della Cina”, ha detto Hosoya.

“Anche se hanno usato alcune parole critiche nei confronti di alcune delle posizioni e delle politiche della Cina, ritengo che abbiano creato una conclusione che può essere accettata dalla maggior parte delle principali potenze in questa conferenza”.

Il ministero degli Esteri cinese nella tarda serata di sabato ha respinto la dichiarazione come esempio di interferenza nei suoi affari interni e ha affermato di essersi lamentato con il Giappone, l’ospite del G7.

Michele Geraci, professore di finanza presso l’Università di Nottingham Ningbo China che ha lavorato come alto funzionario del Ministero dello Sviluppo Economico italiano, ha affermato che il G7 ha “perso il contatto con la realtà” e dovrebbe preoccuparsi maggiormente del futuro delle proprie economie e società e non di questioni esterne ergendosi a giudice e boia del Mondo.

Direi che l’esercito cinese sta diventando più aggressivo una volta che costruiranno 750 basi militari nel Mediterraneo o nel Mar dei Caraibi.

“Nel frattempo, i leader del G7 stanno semplicemente cercando un nemico esterno da incolpare per nascondere i nostri stessi problemi”, dice Geraci.

Insieme alla guerra della Russia in Ucraina, il crescente potere e l’influenza della Cina sono stati al centro dell’attenzione al vertice di tre giorni a Hiroshima, in Giappone, che si conclude domenica.

L’incontro arriva tra i crescenti appelli tra i funzionari occidentali per un’azione coordinata per contrastare Pechino, in particolare negli Stati Uniti, dove il presidente Joe Biden ha fatto della competizione con Pechino un pilastro centrale della sua politica estera.

All’inizio di quest’anno, Bob Menendez, il presidente democratico della commissione per le relazioni estere del Senato, ha chiesto la formazione di una “NATO economica” per rispondere alla coercizione economica di paesi come la Cina.

Martedì, l’ambasciatore degli Stati Uniti in Giappone Rahm Emanuel ha affermato che il G7 svilupperà strumenti “per scoraggiare e difendersi dalle intimidazioni e dalle ritorsioni economiche della Cina”.

Il Giappone e i membri europei, tuttavia, sono stati visti come più cauti degli Stati Uniti nell’ostilità con Pechino a causa della loro forte dipendenza dal commercio cinese, sollevando dubbi su fino a che punto potrebbero spingersi tali misure.

Nel loro comunicato, i leader del G7 hanno affermato che avrebbero lanciato una “Piattaforma di coordinamento” per rispondere alla coercizione economica.

L’iniziativa aumenterebbe “la valutazione collettiva, la preparazione, la deterrenza e la risposta alla coercizione economica” del G7 e “promuoverebbe ulteriormente la cooperazione con i partner oltre il G7”, afferma la dichiarazione, senza elaborare ulteriormente.

Related posts

È morto Matteo Messina Denaro

AMATO, NOMINATO RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO DIVERSAMENTE ABILI. IN SENO AL COORDINAMENTO REGIONALE DEI LIBERALSOCIALISTI PER L’ITALIA DELLA SICILIA

Il Papa afferma che i paesi non dovrebbero “giocare” con l’Ucraina