Home DIRITTI CIVILI Il critico del Cremlino Navalny perde l’appello contro la pena detentiva

Il critico del Cremlino Navalny perde l’appello contro la pena detentiva

by Freelance

Di Mirko Fallacia

Il critico del Cremlino Alexei Navalny ha perso il suo appello sabato contro quella che ha detto essere una decisione politicamente motivata di incarcerarlo per quasi tre anni, ma ha detto che la sua fede in Dio e la fede nella giustezza della sua causa lo sostengono.

Navalny, il critico più eminente del presidente Vladimir Putin, è stato incarcerato all’inizio di questo mese per violazioni sulla libertà condizionale che, secondo lui, erano state inventate. I paesi occidentali hanno condannato il caso e stanno discutendo possibili sanzioni alla Russia.

Sabato un tribunale di Mosca ha prontamente respinto l’appello di Navalny, riducendo di sei settimane la sua pena detentiva originaria. Il termine originale era di 3-1 / 2 anni.

Ma tenendo conto del tempo che aveva già trascorso agli arresti domiciliari, esso ammontava a circa due anni e otto mesi. Sabato il suo avvocato ha detto che avrebbe trascorso poco più di 2 anni e mezzo dietro le sbarre e che il suo team legale avrebbe cercato di contestare la decisione di respingere il suo ricorso.

Navalny ha risposto con sarcasmo alla sentenza, che gli apre la strada al trasferimento da un famigerato carcere di Mosca a un campo di prigionia. “Hanno ridotto la pena di 1-1 / 2 mesi. Grande!” disse da una gabbia di vetro di un’aula di tribunale.

Gli alleati di Navalny hanno reagito con rabbia. “La decisione del tribunale di tenere Alexei in prigione dice solo una cosa. Non esiste una legge in Russia in questo momento”, ha scritto su Twitter il personale della Navalny’s Anti-Corruption Foundation, che indaga sulla presunta corruzione ufficiale.

Navalny, 44 anni, in precedenza aveva detto al giudice che non era colpevole di violazioni della libertà condizionale come aveva stabilito un tribunale in precedenza.

È tornato in Russia il mese scorso dalla Germania, dove si stava riprendendo da un avvelenamento quasi fatale in Siberia ad agosto con quello che molte nazioni occidentali hanno detto essere un agente nervino.

Ha detto che l’anno scorso non era stato in grado di fare rapporto al servizio carcerario di Mosca perché all’epoca era in convalescenza in Germania.

“Non voglio mettermi in mostra molto, ma il mondo intero sapeva dov’ero”, ha detto Navalny al giudice.

Ha detto che non aveva rimpianti per il ritorno in Russia, che la sua fede in Dio lo ha aiutato a sostenerlo e che “la forza era nella verità”.

“Il nostro Paese è costruito sull’ingiustizia. Ma decine di milioni di persone vogliono la verità. E prima o poi lo capiranno. ”

Il ministro degli Esteri lettone Edgars Rinkevics ha detto su Twitter che la sentenza del tribunale è in contrasto con una chiamata della Corte europea dei diritti dell’uomo questa settimana a liberare Navalny, e potrebbe portare a ulteriori sanzioni contro Mosca.

Alla richiesta di commentare il futuro politico di Navalny dopo la decisione del tribunale, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto ai giornalisti: “Non sono assolutamente affari nostri”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento