I socialisti di San Diego si oppongono con durezza all’escalation della guerra da parte della NATO

Nelle ultime settimane, i membri del Party for Socialism and Liberation americano hanno distribuito 50.000 opuscoli in tutto il paese per agitarsi contro una “No-Fly Zone” sull’Ucraina.

I membri del Partito Socialista Liberale di San Diego, che hanno organizzato diverse azioni locali e distribuito quasi mille opuscoli in tutta la contea da metà marzo si sono radunati per dire no all’escalation verbale e militare.

Come sottolinea l’opuscolo, “una No-Fly Zone obbligherebbe gli aerei da guerra e le batterie missilistiche statunitensi ad abbattere aerei militari”.

Una No-Fly Zone sarebbe un pericoloso passo avanti di una escalation e potrebbe portare a una guerra nucleare globale tra USA/NATO e Russia. Le No-Fly Zones hanno ucciso civili in Iraq, Libia e Jugoslavia.

I membri del PSL San Diego hanno sostenuto una risoluzione diplomatica pacifica piuttosto che una pericolosa escalation che potrebbe uccidere molte migliaia di civili ucraini.

I cartelli di una manifestazione nel quartiere di College Area l’8 aprile dicevano: “Ehi Biden, negoziazione non escalation”, “No-Fly Zone = WW3” e “Sciogli la NATO. Riporta le truppe a casa!”

Il candidato socialista al Congresso nel 51° distretto della California, Jose Cortes, era presente la sera dell’8 aprile e si è rivolto ai partecipanti.

Cortes, che è un membro del PSL, ha dichiarato: “[Circa] il 50% del denaro delle nostre tasse andrà direttamente in guerra. Non andrà nelle scuole, non manterrà le strade. Sta andando direttamente nella… macchina da guerra”.

Cortes sta correndo su una piattaforma che chiede lo scioglimento dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico e la fine della Nuova Guerra Fredda, che chiama guerra ai lavoratori di Russia, Cina, Iran, Cuba e altri paesi indipendenti.

La campagna di Cortes sostiene che le centinaia di miliardi di dollari che vengono sottratti al Pentagono e alle milizie nazionaliste ucraine dovrebbero invece essere utilizzati per garantire alloggio, assistenza sanitaria, istruzione e cibo a tutti.

Cortes inoltre ha espresso: “Spendere miliardi di dollari in armi che inquinano la nostra aria e l’acqua mentre le persone subiscono prezzi esorbitanti per la manutenzione di abitazioni e per l’assistenza sanitaria è una chiara dimostrazione delle contraddizioni inerenti a questo sistema di guerra a scopo di lucro”.

In particolare, ci sono nove basi militari nella contea di San Diego.

Anche David Zimmerman, membro del PSL di San Diego che ha organizzato gran parte dell’iniziativa della filiale per agitarsi contro una No-Fly Zone sull’Ucraina ha ribadito il suo no alla guerra.

Zimmerman pensa che alcune persone siano ingannate dal linguaggio e dall’inquadratura di una No-Fly Zone: “Penso che una no-fly-zone debba suonare pacifica quando in realtà è un atto di guerra. È tempo di negoziare la pace, non di passare alla terza guerra mondiale!”

Oltre alla manifestazione dell’8 aprile, i membri del PSL hanno ospitato lanci di striscioni, giornate di propaganda e altri eventi per agitarsi contro una No-Fly Zone sull’Ucraina.

Il 29 aprile alle 19:00 il PSL San Diego ospiterà un forum comunitario presso il San Diego Justice Center sulla storia e il ruolo attuale dei nazisti in Ucraina.

Finché ci sarà una spinta imperialista alla guerra, i socialisti e gli altri antimperialisti lotteranno per un mondo libero dalla guerra e dallo sfruttamento.

Related posts

1 dicembre: il prof. Tudor Petcu e la Giornata della Grande Unione in Romania

Catania, il Congresso di Fratelli d’Italia rielegge Alberto Cardillo, Presidente provinciale del Partito. Le prime indiscrezioni sulle candidature alle Europee

A Catania grande mobilitazione del Pd con un incontro “Un’altra Sicilia. Sanità, Scuola, Sviluppo”