I partiti tedeschi si incontrano per decidere del destino del Paese

Di Mirko Fallacia

I Verdi e i Liberi Democratici tedeschi si sono incontrati venerdì per una seconda tornata di colloqui per esplorare un possibile terreno comune su cui formare un nuovo governo di coalizione con i socialdemocratici o i conservatori, che li corteggiano entrambi.

I Verdi e i Liberi Democratici, dalle estremità opposte dello spettro politico e in disaccordo su una serie di questioni, sono passati al centro della scena dopo che i socialdemocratici (SPD) hanno vinto le elezioni di domenica con un margine ristretto che li ha lasciati alla ricerca di partner.

Sia l’SPD di centrosinistra che il blocco conservatore della cancelliera Angela Merkel, crollato al suo minimo storico, avrebbero bisogno dei Liberi Democratici (FDP) di centrodestra e dei Verdi di sinistra come partner per ottenere una maggioranza parlamentare per una coalizione di governo.

“Il processo è iniziato oggi in una buona atmosfera, ma non è terminato”, ha detto ai giornalisti il ​​leader dell’FDP Christian Lindner, aggiungendo che i partiti “kingmaker” più piccoli stavano cercando di costruire ponti su questioni politiche.

Lindner ha parlato in piedi accanto ai co-leader dei Verdi Annalena Baerbock e Robert Habeck, che hanno affermato: “Abbiamo costruito una cultura della conversazione tra di noi che rende possibile una discussione sui fatti”.

Habeck ha aggiunto che i partiti più piccoli incontreranno ciascuno il più grande SPD e i conservatori, e “quindi vedremo che tipo di dinamica si svilupperà nei prossimi giorni, o forse settimane”.

La Merkel, al potere dal 2005, ha intenzione di dimettersi una volta formato un nuovo governo e rimarrà fino a quel momento.

Baerbock ha affermato che i Verdi e l’FDP manterranno le labbra sigillate sul contenuto dei loro colloqui. Dopo il loro incontro di venerdì, FDP e Verdi hanno entrambi in programma di parlare separatamente con il più grande SPD e CDU/CSU nei prossimi giorni.

I Verdi favoriscono un legame a tre con FDP e SPD, mentre l’FDP preferirebbe che i due partiti più piccoli unissero le forze con i conservatori della Merkel in una coalizione “Giamaica”, così chiamata perché i loro colori che corrispondono alla bandiera della nazione insulare.

“La Giamaica ha una possibilità”, ha detto ai giornalisti Markus Blume, segretario generale della Bavarian Christian Social Union (CSU), partito gemello dell’Unione Cristiano Democratica (CDU) della Merkel.

Un sondaggio di ZDF ha mostrato che il 59% degli intervistati è favorevole a un’alleanza di governo di SPD, Verdi e FDP, con il 76% che afferma che vorrebbe vedere Olaf Scholz dei socialdemocratici come prossimo cancelliere.

Alla domanda in un’intervista con la rivista Spiegel se sarebbe diventato cancelliere dopo i colloqui con i Verdi e l’FDP, Scholz ha detto: “Sì”, aggiungendo che i partner in un tale legame devono impegnarsi tra loro in un “governo congiunto con le loro idee”.

Related posts

Intervista ad Andrea Orlando(Pd) “L’Europa non deve essere piegata sulla dimensione del rigore e dell’austerità”

Intervista all’on. Giuseppe Lupo: “Noi vogliamo l’Europa di David Sassoli, il quale diceva che ‘l’Europa deve innovare, proteggere ed essere faro”.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi è morto in un incidente in elicottero