Home Cronaca Guerra Ucraina: Bombe su un teatro che ospitava civili, Biden definisce Putin un criminale di guerra

Guerra Ucraina: Bombe su un teatro che ospitava civili, Biden definisce Putin un criminale di guerra

by Nik Cooper

L’indignazione internazionale per l’invasione russa è cresciuta ieri quando funzionari statunitensi e ucraini hanno affermato che i civili in attesa in fila per il pane e al riparo in un teatro sono stati uccisi dalle forze russe.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha definito il leader russo Vladimir Putin un criminale di guerra nei commenti che il Cremlino ha definito “imperdonabili” poiché ha insistito sul fatto che la guerra in Ucraina sarebbe “in programma” mentre si parlava di compromesso ai colloqui di pace.

Più di 3 milioni di ucraini sono fuggiti e migliaia sono morti quando la guerra entra nella sua quarta settimana.

Il ministero degli Esteri ucraino ha dichiarato mercoledì che le forze russe hanno sganciato una potente bomba su un teatro nella città portuale meridionale assediata di Mariupol, lasciando molti civili intrappolati e un numero imprecisato di vittime. Anche se la paternalità dell’attacco non è stata ancora accertata.

Maxar Technologies, una società privata statunitense, ha distribuito immagini satellitari raccolte il 14 marzo e mostrava la parola “bambini” in una grande scrittura russa dipinta per terra fuori dall’edificio con il tetto rosso.

Il teatro ospitava almeno 500 civili, secondo Human Rights Watch.

“Ciò solleva serie preoccupazioni su quale fosse l’obiettivo previsto in una città in cui i civili sono già sotto assedio da giorni e le telecomunicazioni, l’elettricità, l’acqua e il riscaldamento sono stati quasi completamente interrotti”, ha affermato Belkis Wille del gruppo per i diritti umani.

Mosca nega di prendere di mira i civili e il ministero della Difesa russo ha affermato che le sue forze non hanno colpito l’edificio, ha affermato l’agenzia di stampa RIA.

Tredici autobus che trasportano circa 300 rifugiati da Mariupol sono arrivati ​​nella regione russa di Rostov, ha affermato giovedì l’agenzia di stampa russa Interfax, ha riferito il ministero della Difesa russo.

L’ambasciata degli Stati Uniti a Kiev ha affermato che le forze russe hanno ucciso 10 persone in fila per il pane a Chernihiv, a nord-est di Kiev. La Russia ha negato l’attacco e ha affermato che l’incidente era una fake news.

Le forze armate ucraine stanno conducendo contrattacchi su piccola scala su diversi fronti e le truppe russe non sono state in grado di guadagnare terreno a causa della mancanza di risorse, ha affermato mercoledì il consigliere presidenziale ucraino Oleksiy Arestovych.

La corte suprema delle Nazioni Unite per le controversie tra stati ha ordinato mercoledì alla Russia di interrompere immediatamente le sue operazioni militari in Ucraina, dicendo che era “profondamente preoccupata” per l’uso della forza da parte di Mosca. Vi sono stati segni di compromesso e progressi nei colloqui in corso tra Russia e Ucraina.

Il Cremlino ha affermato che i negoziatori stanno discutendo uno status per l’Ucraina simile a quello dell’Austria o della Svezia, entrambi membri dell’Unione Europea che sono al di fuori dell’alleanza militare della NATO.

“Lo status neutrale è ora seriamente discusso insieme, ovviamente, alle garanzie di sicurezza”, ha affermato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. “Ci sono formulazioni assolutamente specifiche che a mio avviso sono vicine all’accordo”.

Vladimir Medinsky, il capo negoziatore della Russia, ha dichiarato alla TV di stato: “L’Ucraina offre una versione austriaca o svedese di uno stato neutrale demilitarizzato, ma allo stesso tempo uno stato con il proprio esercito e la propria marina”.

Austria e Svezia, i più grandi dei sei membri dell’UE al di fuori della NATO, hanno entrambi piccoli eserciti che cooperano con l’alleanza.

Il presidente Volodymyr Zelenskiy ha affermato che l’Ucraina potrebbe accettare garanzie di sicurezza internazionale che si sono fermate prima del suo obiettivo di lunga data di aderire alla NATO. Quella prospettiva è stata una delle principali preoccupazioni della Russia.

“Le mie priorità durante i negoziati sono assolutamente chiare: fine della guerra, garanzie di sicurezza, sovranità, ripristino dell’integrità territoriale, garanzie reali per il nostro Paese, protezione reale per il nostro Paese”, ha detto Zelenskiy in un discorso video diffuso giovedì.

In un discorso di mercoledì al Congresso degli Stati Uniti tramite collegamento video, Zelenskiy ha ripetuto la richiesta di una no-fly zone sull’Ucraina, qualcosa che l’Occidente non introdurrà mai.

Gli Stati Uniti hanno annunciato ulteriori 800 milioni di dollari in assistenza alla sicurezza all’Ucraina per combattere la Russia, con il nuovo pacchetto che include droni, sistemi anti-corazza e antiaerei.

“Altri arriveranno man mano che ci riforniamo di scorte aggiuntive di attrezzature che … siamo pronti a trasferire”, ha detto Biden, condannando scioccamente Putin dicendo una cosa tanto inutilmente quanto ovvia.

“È un criminale di guerra”, dice ai giornalisti.

I ministri della Difesa della NATO riuniti a Bruxelles hanno anche promesso più forniture di armi per aiutare l’Ucraina.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbe votare venerdì su un appello redatto dalla Russia per l’accesso agli aiuti e la protezione dei civili, ma i diplomatici affermano che la misura è destinata a fallire perché non spinge a porre fine ai combattimenti o al ritiro delle truppe.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento