Home In evidenza Emergenza Clima: la produzione di combustibili fossili aumenterà nel prossimo decennio

Emergenza Clima: la produzione di combustibili fossili aumenterà nel prossimo decennio

by Freelance

Di Mirko Fallacia

I piani dei governi per estrarre combustibili fossili fino al 2030 sono incompatibili con il mantenimento delle temperature globali a livelli di sicurezza, afferma l’ONU.

Il rapporto dell’UNEP sul divario di produzione afferma che i paesi perforeranno o estrarranno più del doppio dei livelli necessari per mantenere in vita la soglia di 1,5°C. La ripresa del petrolio e del gas è destinata a crescere rapidamente con solo un modesto calo del carbone. Ci sono stati pochi cambiamenti dalla pubblicazione del primo rapporto nel 2019.

Con la conferenza sul clima COP26 a poco più di una settimana di distanza, c’è già un enorme focus sulle ambizioni di riduzione del carbonio dei maggiori responsabili delle emissioni.

Ma nonostante la raffica di obiettivi di emissioni nette zero e gli impegni aumentati di molti paesi, alcuni dei maggiori produttori di petrolio, gas e carbone non hanno stabilito piani per le rapide riduzioni dei combustibili fossili che gli scienziati ritengono necessarie per limitare le temperature nei prossimi anni.

All’inizio di quest’anno, i ricercatori dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) hanno avvertito dei pericoli per l’umanità derivanti dall’aumento delle temperature di oltre 1,5°C in questo secolo.

Per mantenersi al di sotto di questa soglia sarà necessario ridurre le emissioni di carbonio di circa il 45% entro il 2030 sulla base dei livelli del 2010.

Ma invece di frenare il carbonio, molti dei maggiori paesi che emettono emissioni stanno anche pianificando di aumentare significativamente la loro produzione di combustibili fossili, secondo le Nazioni Unite.

Il rapporto sul divario di produzione rileva che i paesi prevedono di produrre circa il 110% in più di combustibili fossili rispetto a quanto sarebbe compatibile con un aumento della temperatura di 1,5°C entro la fine di questo secolo. I piani sono circa il 45% in più rispetto a quanto necessario per mantenere l’aumento della temperatura a 2°C.

Secondo lo studio, la produzione di carbone diminuirà, ma il gas aumenterà maggiormente nei prossimi 20 anni, a livelli semplicemente incompatibili con l’accordo di Parigi. Il rapporto descrive 15 principali paesi di produzione tra cui Australia, Russia, Arabia Saudita, Stati Uniti e Regno Unito.

La maggior parte dei governi continua a fornire un supporto politico significativo per la produzione di combustibili fossili, affermano gli autori.

“La ricerca è chiara: la produzione globale di carbone, petrolio e gas deve iniziare a diminuire immediatamente e rapidamente per essere coerente con la limitazione del riscaldamento a lungo termine a 1,5°C”, afferma Ploy Achakulwisut, autore principale del rapporto dello Stockholm Environment Institute.

“Tuttavia, i governi continuano a pianificare e sostenere livelli di produzione di combustibili fossili che sono di gran lunga superiori a quello che possiamo bruciare in sicurezza”.

Mentre i paesi hanno dedicato molto più della loro spesa per la ripresa dopo la pandemia di Covid alle attività sui combustibili fossili, ci sono alcuni aspetti positivi quando si tratta di finanziamenti.

I finanziamenti per petrolio, carbone e gas da banche multilaterali sono diminuiti significativamente negli ultimi anni, e anche da alcune delle nazioni più ricche.

“Questo rapporto mostra, ancora una volta, una verità semplice ma potente: dobbiamo smettere di pompare petrolio e gas da terra se vogliamo raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi”, ha affermato Andrea Meza, ministro dell’ambiente e dell’energia del Costa Rica.

“Dobbiamo tagliare con entrambe le mani delle forbici, affrontando contemporaneamente domanda e offerta di combustibili fossili. Ecco perché, insieme alla Danimarca, stiamo guidando la creazione della Beyond Oil and Gas Alliance per porre fine all’espansione dei combustibili fossili. estrazione, pianificare una transizione giusta per i lavoratori e iniziare a liquidare la produzione esistente in modo controllato”, dice Meza.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento