Home In evidenza Cambiamento climatico: La scienza sfodera la sua arma

Cambiamento climatico: La scienza sfodera la sua arma

by Nik Cooper

Quando l’ondata di caldo di questa estate negli Stati Uniti occidentali e in Canada hanno infranto i record di diversi gradi, i media di tutto il mondo sono stati colti da una domanda scottante: è stato questo il cambiamento climatico?

Un numero incredibilmente esiguo di scienziati ha le competenze e il know-how per rispondere in dettaglio e abbastanza rapidamente per i giornalisti in scadenza.

Una di loro è la climatologa tedesca Friederike Otto. Insieme ai suoi colleghi del servizio World Weather Attribution (WWA), sta usando la cosiddetta scienza dell’attribuzione per aiutare a rispondere alla domanda se il cambiamento climatico abbia reso più probabile un’ondata di caldo, un uragano o una siccità.

“È estremamente potente comunicare esattamente cosa significa il cambiamento climatico, qui e ora. Per portare davvero al cambiamento climatico”, ha detto Otto.

Il Nord America era ancora intrappolato nell’ondata di caldo quando Otto e il suo team hanno dichiarato il 7 luglio che le temperature estreme che raggiungono quasi i 50 gradi Celsius, o 122 gradi Fahrenheit, sarebbero state “virtualmente impossibili” senza i gas serra aggiuntivi che gli esseri umani hanno caricato nell’atmosfera.

Nessuno scienziato sarebbe stato sicuro di fare una dichiarazione così rapida e decisiva fino a pochi anni fa. Normalmente, ci vorrebbero mesi o anni per la ricerca, la revisione tra pari e la pubblicazione dei risultati.

Invece, la WWA esegue centinaia di simulazioni al computer per confrontare la probabilità che un evento si verifichi nel mondo. Ciò ha portato una nuova velocità e certezza al mondo lento e incerto della scienza del clima.

Lunedì, l’approccio è stato sancito in modo preminente nella bibbia della scienza del clima: il sesto rapporto di valutazione del gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC).

L’ultima volta che gli scienziati del clima hanno unito le loro ricerche collettive nel 2014, l’attribuzione è stata trattata come un campo promettente, ma esplorativo. Ora, l’IPCC afferma: “Caso per caso, gli scienziati possono ora quantificare il contributo delle influenze umane alla grandezza e alla probabilità di molti eventi estremi”.

In pochi anni, il metodo che ha contribuito a sviluppare per sondare singoli eventi estremi è diventato uno “sforzo di routine all’interno della comunità scientifica”, ha affermato Ed Hawkins, un altro autore principale del rapporto IPCC.

Ciò ha spostato la conversazione in molte redazioni, tradizionalmente caute nell’esistere e nel collegare ogni singolo evento al cambiamento climatico. Hawkins ora dice: “La scienza è andata avanti e sarebbe bello vederlo riflesso nella copertura delle notizie di eventi meteorologici estremi”.

Nel suo libro “Angry Weather: Heat Waves, Floods, Storms, and the New Science of Climate Change”, pubblicato l’anno scorso, Otto ha affermato che era sempre stata sua intenzione mettere la scienza del clima “all’offensiva”.

La scienza dell’attribuzione di eventi estremi esisteva dai primi anni 2000. Ma nel 2014 in uno Starbucks di San Francisco, Otto e il suo mentore Myles Allen, uno scienziato britannico che ha aperto la strada al campo, hanno incontrato Heidi Cullen, un oceanografo che ha guidato l’ONG Climate Central.

Cullen ha chiesto loro se potessero potenziare i loro studi. Il problema, per come la vedeva Cullen, era che la ricerca completa e sottoposta a peer review arrivava mesi o anni dopo una tempesta.

La soluzione sviluppata da Otto e dal suo team aggira il sistema di revisione paritaria lenta; se un evento meteorologico è dello stesso tipo di uno che hanno già studiato e esaminato, non aspettano che scienziati indipendenti esaminino i risultati.

Invece, WWA rilascerà un’analisi parziale e rapida, a volte entro pochi giorni da un evento. Segue quindi uno studio peer-reviewed. Ciò consente alla loro scienza di adattarsi al ciclo di notizie di un grande evento.

Ciò che lei chiama nel suo libro una deliberata, anche se temporanea, “rottura” di uno standard del metodo scientifico vecchio di quattro secoli rende nervosi i tradizionalisti.

Nel 2014, la scoperta della WWA secondo cui le precipitazioni dalla tempesta Desmond del Regno Unito erano state rese del 40% più probabili dai cambiamenti climatici è stata sottoposta allo straordinario esame di sette revisori: la maggior parte degli studi ne ottiene due o tre.

Secondo Otto, la ricerca è stata respinta da due scienziati che non potevano sopportare il ritmo dell’analisi, ma alla fine è stata pubblicata nel 2018.

Le critiche scientifiche si concentrano in gran parte sul fatto che i modelli siano sufficientemente dettagliati da catturare il tempo localizzato. Più preciso è il modello, più potenza del computer (e denaro) è necessaria per calcolare le simulazioni. Otto e i suoi colleghi sostengono che i modelli imperfetti possono ancora fornire conclusioni utili e nei casi in cui l’analisi è impossibile, non procedono. In alcuni casi, escludono che il cambiamento climatico abbia un ruolo in un evento.

Otto lavora anche a stretto contatto con gli avvocati utilizzando la ricerca WWA per sviluppare azioni legali volte a costringere aziende o governi a ridurre il loro impatto sull’ambiente o addirittura a chiedere un risarcimento per le vittime.

Nonostante la sua ampia accettazione come metodo scientifico e il suo significativo controllo dell’attenzione dei media, la WWA rimane un’organizzazione rinnegata, quasi priva di fondi, composta da volontari. Otto paga personalmente la manutenzione del sito web.

Lunedì, l’IPCC ha chiarito che l’era degli estremi causati dal clima è arrivata e questo significa un ruolo ancora maggiore per la scienza dell’attribuzione.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento