Home Senza categoria Briatore strizza l’occhio a Salvini

Briatore strizza l’occhio a Salvini

by Romano Franco

E qui si rinnova il detto “Al peggio non c’è mai fine”. L’imprenditore, dallo stile di vita da teenager, Flavio Briatore, torna a far parlare di sé e in un intervista al Foglio e annuncia di essere pronto con il suo “Movimento del Fare” non si sa che cosa. E di Salvini dice: “E’ uno dei più preparati!”.

E’ chiaro a tutti oramai che il suo intento sia quello di entrare in politica, infatti dice che se il leader della destra dovesse chiamare, lui sarebbe pronto ad aiutarlo in un Governo a guida leghista. E così dichiara: “Potrei dire di sì, a patto di essere messo nelle condizioni di fare le cose. Il tempo è prezioso, specie alla mia età. Se ne sottraggo un po’ a mio figlio e alla mia famiglia, non voglio sprecare le giornate in commissioni inutili a sentire idioti che non hanno mai viaggiato in vita loro”. Peccato che viaggiare non significhi avere idee e cultura.

E così in una dichiarazione, degna del Cetto nazionale, dichiara: “Dobbiamo far ripartire l’economia, creare lavoro, attrarre investimenti. Fosse per me, partirebbero tutti i cantieri, tutte le opere sospese, dal Tav al Ponte sullo Stretto. Eliminerei immediatamente il reddito di cittadinanza e darei agli imprenditori la possibilità di assumere giovani alle medesime condizioni. Se diamo fiducia ai capitali esteri, abbassiamo le tasse e tagliamo un sacco di norme inutili, il turismo diventa vera eccellenza italiana. Il Sud Italia ha tutte le carte per essere la Florida d’Europa, altrochè”. Adesso si capisce il viaggio che ha fatto, c’é da pensare come uscire dalla crisi e con un colpo di bacchetta magica sfodera qualunquismo come se fossero Ostriche e Champagne. Peccato per Briatore, i problemi con il Fisco non si risolvono con una candidatura qualunque e se gli evasori avessero pagato le tasse al posto di riempirsi la bocca avrebbero “fatto” qualcosa di più per affrontare questa pandemia.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento