Home In evidenza Biden esorta Xi ad abbandonare Mosca per l’Ucraina

Biden esorta Xi ad abbandonare Mosca per l’Ucraina

by Nik Cooper

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha cercato di impedire a Pechino di dare nuova vita all’invasione russa dell’Ucraina in una videochiamata venerdì con il presidente cinese Xi Jinping, mentre Mosca continuava con i bombardamenti che hanno preso il posto dell’avanzata militare.

Con la Russia che cercava di riprendere l’iniziativa in una campagna in stallo, tre missili sono atterrati in un aeroporto vicino a Leopoli, città dove centinaia di migliaia di persone pensavano di aver trovato rifugio.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che stava “stringendo il cappio” attorno al porto meridionale assediato di Mariupol, dove i funzionari hanno affermato che più di 1.000 persone potrebbero essere ancora intrappolate in rifugi antiaerei improvvisati sotto il teatro distrutto.

L’Ucraina ha detto di aver finora salvato 130 persone dal seminterrato del teatro dopo che l’edificio era stato raso al suolo dagli scioperi russi due giorni fa. La Russia nega di aver colpito il teatro e dice che non prende di mira i civili.

La Cina non ha ancora condannato l’assalto della Russia e Washington afferma di temere che Pechino stia considerando di fornire supporto finanziario e militare, cosa che sia la Russia che la Cina negano.

Xi ha detto che la crisi ucraina era qualcosa che la Cina non voleva vedere e che Pechino e Washington dovrebbero guidare le relazioni bilaterali lungo la strada giusta, hanno detto i media statali cinesi dopo che lui e Biden hanno iniziato la loro telefonata. La Casa Bianca ha detto in seguito che la chiamata era durata poco meno di due ore.

Jakob Kern, coordinatore dell’emergenza per la crisi presso il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, ha affermato che “la catena di approvvigionamento alimentare dell’Ucraina sta andando in pezzi. I movimenti delle merci sono rallentati a causa dell’insicurezza e della riluttanza dei conducenti”.

I colloqui di pace si sono intensificati questa settimana, con Kiev, che chiede un cessate il fuoco e il ritiro della Russia, affermando che Mosca è diventata più seria negli ultimi giorni.

Entrambe le parti hanno descritto i progressi verso una formula politica che manterrebbe l’Ucraina fuori dall’alleanza NATO ma protetta con qualche altra forma di garanzia.

Con le sanzioni finanziarie e l’ostracismo diplomatico che tagliano fuori la Russia dalle economie avanzate, la Cina è l’ultima grande ancora di salvezza economica della Russia.

Putin e Xi hanno firmato un patto di amicizia “senza limiti” tre settimane prima dell’invasione, in un evento ostentato tenuto la mattina della cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali del mese scorso. Il documento ripeteva alcune delle lamentele della Russia sull’Ucraina.

Finora la Cina ha seguito una linea cauta, astenendosi dai voti sulle risoluzioni delle Nazioni Unite che condannano la Russia mentre rifiutava di riferirsi all’assalto in Ucraina come un’invasione mentre criticava l’Occidente.

Ma Washington, che questa settimana ha annunciato 800 milioni di dollari in nuovi aiuti militari a Kiev, ora afferma che Mosca vuole qualcosa di più da Pechino che una semplice copertura diplomatica.

Biden, che ha descritto Putin come un “dittatore omicida”, chiarirà a Xi che la Cina “si assumerà la responsabilità di qualsiasi azione intrapresa per sostenere l’aggressione russa”, ha detto ai giornalisti il ​​segretario di Stato Antony Blinken.

Poche ore prima della telefonata, la Cina ha navigato con una portaerei attraverso il sensibile Stretto di Taiwan – seguito da un cacciatorpediniere statunitense.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento