Uomini armati nigeriani attaccano carcere, 575 detenuti dispersi

Di Fabiana Mitti

Uomini armati hanno attaccato una prigione nello stato di Oyo in Nigeria venerdì sera e hanno liberato con la forza oltre 800 detenuti, il terzo attacco di questo tipo quest’anno, ha detto il servizio carcerario in una dichiarazione sabato.

Il servizio carcerario ha detto che gli aggressori erano armati fino ai denti e, dopo uno scambio di colpi di arma da fuoco con gli agenti penitenziari, sono riusciti a entrare nel cortile della prigione facendo esplodere le pareti con la dinamite.

Circa 575 detenuti, che erano tutti in attesa di processo, sono scomparsi mentre 262 fuggitivi erano stati catturati dal momento della fuga aggiungendo che il carcere ospitava solo 64 detenuti, che non sono fuggiti.

“Mentre tutti i detenuti in attesa di giudizio sono stati costretti a lasciare la custodia, le celle che ospitano i detenuti e le detenute non sono state vandalizzate”, ha detto il servizio carcerario.

La Nigeria sta lottando con problemi di sicurezza in tutto il suo vasto territorio, tra cui un’ondata di rapimenti di studenti a scopo di riscatto da parte di bande criminali nel nord-ovest e un’insurrezione islamista nel nord-est.

L’attacco alla prigione di Oyo segue attacchi simili nello stato di Imo ad aprile, dove sono stati liberati più di 1.800 detenuti, mentre altri 266 prigionieri sono stati rilasciati con la forza nello stato di Kogi il mese scorso.

Related posts

Il ruolo della NATO in Ucraina minaccia un’escalation “imprevedibile”, secondo Mosca

Terremoto Turchia e Siria. Il numero dei morti continua a salire

L’escalation in Ucraina porterà il mondo verso una “guerra più ampia”, dice il capo delle Nazioni Unite