Uomini armati attaccano il reparto maternità di Kabul, 14 persone uccise tra cui 2 neonati

Uomini armati hanno fatto irruzione in un ospedale di maternità nella parte occidentale di Kabul, provocando una sparatoria di un’ora con la polizia e uccidendo 14 persone, tra cui due neonati, le loro madri e un numero imprecisato di infermiere.

Almeno 14 persone sono rimaste uccise nell’assalto mattutino all’ospedale Barchi, hanno detto i funzionari martedì.

Le forze di sicurezza hanno precedentemente isolato l’area mentre hanno evacuato più di 80 donne e neonati dall’ospedale, dove medici di medicina senza frontiere (Medici senza frontiere o MSF) gestiscono una clinica di maternità.

Il portavoce del ministero degli interni, Tareq Arian, ha affermato che altri 15, tra cui donne, uomini e bambini, sono rimasti feriti nell’attacco.

Tre cittadini stranieri erano tra quelli evacuati in sicurezza, ha detto, senza elaborare. Non è chiaro il motivo per cui l’ospedale di maternità di Dashti Barchi, una struttura con 100 posti letto, sia stato preso di mira – un attacco che Arian ha definito un “atto contro l’umanità e un crimine di guerra”.

Almeno tre aggressori che indossavano uniformi della polizia sono entrati nell’ospedale situato nel quartiere Dashti Barchi di Kabul, lanciando granate e sparando, hanno detto i funzionari.

Un pediatra fuggito dall’ospedale ha detto all’agenzia di stampa AFP di aver sentito una forte esplosione all’ingresso dell’edificio a Dashti Barchi, un quartiere per lo più sciita che ha visto in passato attacchi del gruppo armato ISIL (ISIS).

“L’ospedale era pieno di pazienti e medici, dentro c’era un panico totale”, ha detto il dottore, chiedendo di non essere nominato.

La struttura gestita dal governo con 100 letti è supportata da MSF, ha affermato Wahidullah Mayar, portavoce del ministero della sanità pubblica.

Nelle ore serali, mariti, padri e familiari dei pazienti dell’ospedale si radunavano intorno all’ospedale, alla disperata ricerca di notizie dei loro cari.

Related posts

Il presidente Lula si schiera con Assange: “Che venga liberato dalla sua ingiusta prigionia”

Prime ricette dal governo Meloni per il caro energia, ma il lavoro da fare non è assolutamente finito

L’arma più potente di Putin contro l’UE è il tempo