Luca Zaia: il virologo della domenica “Se perde forza vuol dire che è artificiale”

Ecco che arriva il verdetto di un altro illuminato virologo, il suo nome è Luca Zaia. Il governatore del Veneto improvvisatosi virologo di successo, fa la sua dichiarazione fuori dalle righe: “Se il coronavirus perde forza vuol dire che è artificiale. Sarà la temperatura, sarà che il virus si è spompato, magari se ne andrà definitivamente e così non avremo la recidiva autunnale”, ha aggiunto, definendo la sua una “opinione personale” e non “quella di uno scienziato”. In molti sostengono che il caldo possa attenuare la sua potenza e la sua virulenza, la scomparsa forse sembrerebbe una visione ottimista, ma trattandosi di un influenza sicuramente col caldo troverà il suo nemico più valido. Ma dire che il virus possa essere fatto in laboratorio e dare una motivazione così ridicola sembra quasi peggio di Trump che, in maniera infantile, sostiene di avere le prove e di non volerle mostrare al mondo.

Related posts

Rieletto all’unanimità segretario regionale dei giovani socialisti siciliani Mattia Carramusa

Il presidente Lula si schiera con Assange: “Che venga liberato dalla sua ingiusta prigionia”

Prime ricette dal governo Meloni per il caro energia, ma il lavoro da fare non è assolutamente finito