Le norme tecnologiche dell’UE dovrebbero frenare i poteri delle Big Tech, afferma uno studio

Di Aldo Pantano

Le bozze di regole dell’UE per limitare il potere di Amazon, Apple, Google e Facebook dovrebbero anche affrontare i fornitori di servizi di cloud computing per possibili azioni anticoncorrenziali pratiche.

Il rapporto arriva tra le preoccupazioni che alcuni legislatori dell’UE che stanno rivedendo il Digital Markets Act proposto dal capo dell’antitrust dell’UE Margrethe Vestager potrebbero essere indulgenti nei confronti delle società di cloud computing.

Amazon Web Services di Amazon è stato il fornitore leader nel secondo trimestre, seguito da Microsoft Azure e Google Cloud, secondo la società di ricerche di mercato Statista. Altri includono IBM Cloud, Alibaba Cloud, Salesforce e Oracle.

Frederic Jenny, presidente del Comitato per la concorrenza dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, ha realizzato lo studio, a titolo personale, per l’ente commerciale Cloud Infrastructure Services Providers in Europe.

Le nuove regole dell’UE dovrebbero riguardare anche le licenze software, afferma il rapporto, con gli intervistati che citano clausole abusive imposte da alcune delle grandi società di software per accedere alla loro infrastruttura cloud.

“Il DMA afferma che l’infrastruttura cloud può rientrare nell’ambito del DMA, ma non è ovvio che tutti i fornitori siano coperti”, ha detto Jenny in un’intervista.

“Ad esempio, non sembra che Google Cloud si qualifichi ai sensi del DMA come gatekeeper o IBM Cloud o Salesforce”.

Le potenziali pratiche anticoncorrenziali di alcune aziende potrebbero includere tecniche di prezzo sleali o sforzi per rendere tecnicamente difficile il passaggio degli utenti a un rivale, ha affermato.

Jenny ha affermato che lo studio ha intervistato circa 25 aziende che utilizzano servizi di cloud computing, alcune delle quali hanno citato problemi come condizioni di licenza inique che costringono i clienti a pagare di nuovo per utilizzare il software che già possiedono quando passano a un concorrente.

Gli intervistati erano anche preoccupati per il fatto che i fornitori integrassero prodotti software con la loro infrastruttura cloud per rendere i prodotti rivali meno attraenti o più costosi.

I legislatori dell’UE devono elaborare il progetto di DMA con i paesi dell’UE prima che diventi legge, possibilmente nel 2023.

Related posts

La variante Omicron atterra in Italia

La nuova variante Omicron innesca allarme globale e ‘schianta’ il mercato

Italia e Francia rafforzano i legami strategici mentre l’uscita di Merkel mette alla prova l’Europa