Le donne afghane temono il ritorno dei talebani

Di Ginevra Lestingi

Fuori da un college da cui le loro madri erano state bandite, le donne aspettavano che gli amici finissero gli esami che temono possano essere gli ultimi che si possano sostenere. “Gli americani se ne vanno”, ha detto Basireh Heydari, uno studente dell’Università di Herat. “Abbiamo giorni terribili davanti ai talebani. Sono preoccupato che non mi lasceranno uscire di casa, figuriamoci cosa sto facendo adesso”.

La decisione dell’amministrazione Biden di ritirare tutte le truppe statunitensi dall’Afghanistan entro l’11 settembre porrà fine alla guerra più lunga degli Stati Uniti. Con gli alleati della Nato come la Germania che hanno già annunciato mercoledì che seguiranno l’esempio di Washington e lasceranno il paese, gli afgani temono un’intensificazione dei combattimenti tra il governo nazionale e i talebani, che sono stati estromessi dall’intervento guidato dagli Stati Uniti due decenni fa.

La violenza contro i civili, in particolare donne e bambini, è aumentata nell’ultimo anno, secondo le statistiche delle Nazioni Unite pubblicate mercoledì, e il controllo talebano del paese è maggiore che in qualsiasi momento negli ultimi due decenni. I vantaggi di una presenza militare straniera in corso nel paese non sono chiari.

Ma un ritorno al regime islamista intransigente potrebbe significare il ritiro di uno dei risultati meno controversi dell’intervento: la revoca del divieto talebano dell’istruzione femminile.

Mercoledì, Heydari e le sue amiche stavano cercando di assorbire la notizia mentre sedevano in un risciò vicino ai cancelli dell’università. “Ho solo un desiderio, e questo è finire i miei studi e ovviamente lavorare, ma con l’arrivo dei talebani, non credo che lo raggiungerò”, ha detto.

Non c’è alcuna garanzia che il gruppo islamista prenderà il potere, e hanno segnalato – forse in modo opportunistico – che il loro futuro governo sarebbe stato più flessibile sulla questione della scolarizzazione femminile. Se non un totale ripensamento da parte dei fondamentalisti, Heydari sperava almeno in un compromesso. “Se hanno problemi con la co-educazione, sono pronta a studiare in classi per sole ragazze”, ha detto.

Accanto a lei, Salma Ehrari, una studentessa di economia, era più scettica. “Voglio che il mondo sappia che i talebani li stanno prendendo in giro, non sono cambiati”, ha detto. “Usano la tecnologia e sono su Twitter, ma hanno gli stessi pensieri che avevano 20 anni fa. Perderò la mia istruzione e ovviamente gli americani sono responsabili di questo, non i talebani, questa è solo la loro natura”.

Alcuni nella provincia, dove i talebani controllano alcuni distretti, hanno affermato che il deterioramento della sicurezza stava già portando a una riduzione delle loro libertà. “Il mio punto vendita ha limitato i movimenti dei miei colleghi a causa di problemi di sicurezza e mio padre mi ha chiesto di recente di smettere di lavorare per un po'”, ha detto Atifa Alizadeh, una giornalista e parte di una generazione di donne afghane che da allora sono andate a scuola e hanno trovato lavoro.

Almeno otto giornalisti sono stati uccisi nel paese negli ultimi sei mesi, come parte di un’ondata di attacchi contro operatori dei media, attivisti e altre figure della società civile.

Basireh Safa Theri, un’attivista sociale, ha avviato una scuola femminile all’indomani dell’invasione guidata dagli Stati Uniti e ha detto che stava monitorando da vicino l’interruzione dei negoziati tra il governo nazionale e i talebani su ciò che accadrà dopo la partenza delle forze internazionali.

“Negoziano ogni giorno, ma sfortunatamente nessuna parola sull’istruzione delle ragazze, parlano solo di potere”, ha detto.

Nel frattempo, le ragazze della sua scuola hanno iniziato a studiare di più. “Sentono di vivere gli ultimi giorni della loro scuola”, ha detto. “Molti studenti e famiglie stanno arrivando e mi dicono che potranno andare a scuola solo per poche settimane o mesi e che vogliono imparare il più possibile”.

“Gli studenti vengono nel mio ufficio e chiedono: ‘Stanno arrivando i talebani? Potremo continuare a venire a scuola o no?”. Ma si sa, mie care studentesse Afghane, la democrazia e i diritti vengono difesi solo quando ci sono degli interessi alla base ed, evidentemente adesso, ci sono altre priorità che fanno gola agli States, quelli dei grandi interessi, e al loro vomitevole opportunismo. Esistono altri posti, purtroppo per noi, dove esportare con fierezza quella farsa che chiamano democrazia ma che cela dietro di se un capitalismo senza scrupoli.

Related posts

Terremoto Turchia e Siria. Il numero dei morti continua a salire

Kiev si prepara per l’offensiva di Mosca mentre è alle prese con le misure per arginare la corruzione nel Paese

Un terremoto di magnitudo 7,9 devasta Turchia e Siria: decine i morti, molti intrappolati