L’avvocato di Trump Giuliani affronta una causa da 1,3 miliardi di dollari per accuse di frode elettorale

Una società di macchine di conteggio per il voto degli Stati Uniti ha intentato una causa da 1,3 miliardi di dollari contro l’avvocato dell’ex presidente Donald Trump Rudy Giuliani, accusandolo di diffamazione in quella che ha definito la sua campagna di “grande menzogna” sulla frode diffusa nelle elezioni presidenziali.

La società con sede a Denver, Dominion Voting Systems Inc, ha intentato una precedente causa contro l’avvocato pro-Trump Sidney Powell, che la società ha anche accusato di diffondere false teorie del complotto sulle elezioni che Trump ha perso contro il democratico Joe Biden.

Un impiegato senior di Dominion, Eric Coomer, ha anche intentato una causa per diffamazione contro la campagna Trump, dicendo che era stato costretto a nascondersi a causa delle minacce di morte dei sostenitori di Trump.

Giuliani ha affermato in una dichiarazione che la causa di Dominion aveva lo scopo di intimidire gli altri dall’esercitare i loro diritti di libertà di parola.

“La causa per diffamazione di Dominion per 1,3 miliardi di dollari mi consentirà di indagare sulla loro storia, le finanze e le pratiche in modo completo”, ha detto Giuliani, aggiungendo che potrebbe intentare una causa contro la società per aver violato i suoi diritti.

Trump e i suoi alleati hanno trascorso due mesi negando la sua sconfitta elettorale e sostenendo che fosse il risultato di una diffusa frode degli elettori, prima che i suoi sostenitori prendessero d’assalto il Campidoglio il 6 gennaio.

Dominion pretende $ 1,3 miliardi di danni dall’ex sindaco di New York City, sostenendo nella causa che “lui e i suoi alleati hanno prodotto e diffuso la ‘Grande menzogna’, che prevedibilmente è diventata virale e ha indotto milioni di persone a credere che Dominion avesse modificato l’elezione”. ”

Dominion ha affermato di aver intentato la causa “per mettere le cose in chiaro” e “difendere se stessa, i suoi dipendenti e il processo elettorale”.

La scorsa settimana un gruppo di importanti avvocati ha chiesto alla magistratura di New York di sospendere la licenza legale di Giuliani perché ha fatto false affermazioni in cause post-elettorali e per aver esortato i sostenitori di Trump a impegnarsi in un “processo per combattimento” poco prima che assaltassero il Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio.

Dominion afferma nella sua causa di aver speso 565.000 dollari in sicurezza privata per proteggere i suoi dipendenti, che devono affrontare molestie e minacce di morte.

“Le dichiarazioni di Giuliani”, affermava la causa, “erano calcolate – e di fatto – provocarono indignazione e causarono danni enormi al Dominio”.

Fondata nel 2002, Dominion è un importante produttore statunitense di macchine per il voto e varie macchine Dominion sono state utilizzate in più di due dozzine di stati durante le elezioni del 2020.

Related posts

Intervista all’on. Giuseppe Lupo: “Noi vogliamo l’Europa di David Sassoli, il quale diceva che ‘l’Europa deve innovare, proteggere ed essere faro”.

Le forze israeliane invadono Gaza da nord a sud

Putin minaccia uno scontro globale mentre la Russia rievoca la vittoria nella Seconda Guerra Mondiale