La scissione su Draghi scatena nei 5 stelle una crisi d’identità

Il Movimento 5 Stelle, un tempo prototipo di partiti populisti e anti-establishment di successo in tutta Europa, è a un bivio. Abbraccia pienamente il mainstream politico o torna a essere un outsider?

Con il calo del sostegno, il suo destino potrebbe plasmare la politica italiana per gli anni a venire e le linee di battaglia sul suo futuro sono state tracciate.

Quando il 2 febbraio il capo dello stato ha chiesto all’ex capo della Banca centrale europea Mario Draghi di provare a formare un governo, ponendo così fine allo stallo politico italiano, la leadership dei 5 stelle ha immediatamente escluso di sostenerlo.

Ma il suo fondatore, Beppe Grillo, 72 anni, ex comico, aveva altre idee. Quattro giorni dopo, è fuggito dalla sua casa di Genova per una riunione di crisi a Roma con circa 30 membri del 5 stelle.

All’incontro in una sala conferenze nella labirintica Camera dei Deputati, ha chiarito che la decisione iniziale dei 5 Stelle dovrebbe essere revocata.

“Quando siamo entrati Grillo fingeva di parlare con qualcuno al telefono; era una specie di commedia”, ha detto la fonte, che ha rifiutato di essere nominata perché l’incontro era privato. “Stava discutendo … perché dovremmo far parte del governo”. Alcuni politici ed elettori a 5 stelle sono profondamente insoddisfatti della linea imposta da Grillo.

Mercoledì, al primo voto di fiducia di Draghi in parlamento, 23 dei 92 senatori del 5 stelle hanno sfidato la linea del partito e si sono rifiutati di sostenerlo. Il leader Vito Crimi ha detto che la maggior parte di loro sarebbe stata espulsa.

ONDA POPULISTA

Se il 5 Stelle uscisse dalla crisi indebolito o trasformato in un partito progressista mainstream, potrebbe segnare la fine dell’ondata populista che ha travolto l’Italia alle ultime elezioni e che ha allarmato i mercati finanziari e i suoi partner europei. La Lega di Matteo Salvini è già uscita dall’estrema destra per mettersi alle spalle di Draghi.

In un certo senso, i grillini hanno seguito una traiettoria simile ad altri partiti populisti nell’Europa meridionale come Syriza in Grecia e Podemos in Spagna.

Tutti e tre hanno raggiunto il potere, ma sono stati assorbiti dal mainstream, hanno giurato di combattere e hanno visto il loro sostegno appassire.

Grillo ha rinunciato al coinvolgimento quotidiano negli affari dei 5 stelle circa cinque anni fa, ma quando si devono prendere decisioni cruciali è sempre lui a tirare le somme.

Poco prima del suo incontro con i parlamentari a 5 stelle, ha scritto un post sul blog chiedendo al nuovo governo di nominare un ministro per la transizione ecologica con piena responsabilità per la politica energetica.

Grillo aveva già parlato con Draghi e ha ricevuto l’assicurazione che questo ministero sarebbe stato creato in cambio del sostegno di 5 stelle. La portavoce di Draghi ha confermato che Grillo e Draghi hanno parlato della formazione del governo.

“Hanno convenuto sull’importanza di creare un governo con una forte enfasi sulla transizione ecologica”, ha detto.

ECOLOGIA

L’ecologia è sempre stata una parte centrale della piattaforma dei 5 stelle. È una delle cinque “stelle” della politica da cui prende il nome. Il trasporto sostenibile è un altro.

L’Italia, a differenza di Germania e Francia, non ha mai avuto un partito dei Verdi di successo e Grillo sta osservando quel divario nella speranza di salvare il suo partito dalla graduale estinzione.

Si tratta di somme enormi e di alti ideali. La Commissione europea ha ordinato che le politiche per combattere il cambiamento climatico debbano rappresentare il 37% del suo Fondo per la ripresa istituito per aiutare le economie malconce del blocco, la più grande singola componente. Nel caso dell’Italia ciò significa 70 miliardi di euro da spendere per la transizione verde nei prossimi sei anni.

“Adesso l’ambiente. Qualunque cosa serva”, Grillo ha twittato questa settimana sotto un dittico multicolore di Draghi in stile Andy Warhol, in riferimento alla famosa promessa dell’ex capo della BCE del 2012 di fare” tutto il necessario “per salvare l’euro.

Il 5 stelle è la forza più grande in parlamento grazie al suo trionfo alle elezioni del 2018 quando ha ottenuto il 33% dei voti, quasi il doppio dei voti rispetto al suo rivale più vicino.

Ora ha meno del 15%, ad essere generosi, il che lo rende il quarto partito più grande d’Italia e ha un disperato bisogno di una nuova identità.

Ha quattro ministri nel nuovo gabinetto di Draghi, ma per molti membri sostenere il governo di un ex capo della Bce è inaccettabile. Farlo in una coalizione con nemici giurati peggiora le cose.

Fondato nel 2009 come canale di protesta contro la corruzione percepita e il clientelismo dell’élite politica e imprenditoriale italiana, i cinquestelle hanno sposato la democrazia diretta basata su Internet e hanno promesso di non formare mai alleanze con i partiti tradizionali. Negli ultimi tre anni ha governato in due coalizioni, con destra e centrosinistra, e ora è pronta a governare con entrambe contemporaneamente. Sono uomini d’onore e di parola questi cinquestelle, o sono totalmente ingenui. In entrambi i casi, il loro atteggiamento superficiale si è visto costantemente nelle sue politiche che tra alti e bassi ha perso la sua identità, semmai ne abbia mai avuta una

LEADER FUTURO?

Raduzzi non ha lasciato il partito, a differenza di uno dei suoi personaggi più apprezzati – Alessandro Di Battista – che scrive frequenti articoli attaccando Draghi o membri del suo governo.

Di Battista, 42 anni, è uscito dopo la decisione di sostenere Draghi, ma i suoi seguaci si aspettano che torni quando sarà il momento giusto e lo vedano come un futuro leader.

La battaglia per il futuro dei 5 Stelle sarà probabilmente combattuta sulle visioni opposte di Di Battista da un lato e Grillo dall’altro.

Grillo, per ora al volante, vuole trasformare il 5 stelle in un partito ambientalista, pro-Ue, alleato del Partito Democratico di centro-sinistra per competere con il blocco di destra di Salvini.

Di Battista vuole che il 5 stelle eviti un’alleanza strutturale con la sinistra e riacquisti il ​​suo vecchio spirito anti-establishment, con una posizione più critica nei confronti dell’UE e delle grandi imprese.

“Credo che questo governo sia un suicidio per il Movimento 5 Stelle e sia dannoso per l’Italia”, ha detto Di Battista. Non escludendo un ritorno ai ranghi in futuro.

Il rischio per il 5 stelle, attualmente nelle mani del poco carismatico Crimi, è che qualunque sia il percorso intrapreso dal partito, al momento delle prossime elezioni del 2023 il suo declino sarà irreversibile.

Il crollo del sostegno dei 5 stelle non è stato del tutto sorprendente, dato che è un partito anti-establishment anche al governo. Senza sufficienti seggi in parlamento per governare da solo, il movimento ha anche unito le forze con la sinistra o la destra.

A differenza degli esponenti di sinistra Syriza e Podemos, o del raduno nazionale di estrema destra in Francia e del Partito della Libertà austriaco, il 5 stelle si è sempre presentato come un movimento privo di ideologia con elettori di sinistra e di destra allo stesso modo.

Alcuni commentatori politici ritengono che la sua migliore possibilità di rinascita risieda nell’ex premier Giuseppe Conte.

Il messaggio postato da Conte su Facebook nel suo ultimo giorno da presidente del Consiglio ha ricevuto più di un milione di like, un record per un politico italiano. Ha promesso di “continuare il percorso” del suo governo di 16 mesi di orientamento a sinistra in futuro. Tanti elettori dei 5 stelle e alcuni dei suoi politici sperano che lo faccia come loro leader. Ma, nonostante Conte, sono arrivati alla fine di un viaggio intraprendendo una strada già persa da tempo.

Related posts

Dopo il terremoto in Turchia e Siria Zelensky viaggia per l’Europa per non far dimenticare la sua causa

Intervista al Segretario generale della CGIL Sicilia Alfio Mannino: “L’autonomia differenziata spacca il Paese”

Il ruolo della NATO in Ucraina minaccia un’escalation “imprevedibile”, secondo Mosca