Google viene multato di 500 milioni di euro dalla Francia

Di Ginevra Lestingi

Martedì l’autorità francese per la concorrenza ha concesso agli editori di stampa del paese una grande vittoria contro Google.

L’Autorité de la concurrence ha multato il colosso tecnologico statunitense di 500 milioni di euro per non aver rispettato le misure provvisorie imposte lo scorso anno, che richiedevano a Google di negoziare “in buona fede” con l’industria della stampa sui canoni di licenza.

“Speravamo che la trattativa fosse fruttuosa e che gli attori si mettessero al gioco. Google sembra ancora non accettare la legge così com’è stata votata, ma non spetta a un attore, anche dominante, riscrivere la legge “, ha detto ai giornalisti il ​​presidente dell’autorità, Isabelle de Silva.

La Francia è uno dei pochi paesi ad aver attuato la riforma del diritto d’autore dell’UE, che garantisce agli editori di stampa il diritto di chiedere un compenso quando i loro contenuti vengono visualizzati su piattaforme online, il cosiddetto diritto di vicinato.

La decisione di martedì è un duro colpo per il colosso tecnologico statunitense, che ha cercato di dimostrare che i suoi rapporti con l’industria della stampa si sono calmati. Potrebbe anche avere ripercussioni oltre i confini francesi, poiché De Silva ha affermato di sperare che possa fornire un modello per altri paesi dell’UE che stanno attualmente adattando la legislazione nazionale alla riforma del copyright dell’UE e “impedire a Google o ad altre piattaforme di riprodurre questo comportamento”.

Il colosso dei motori di ricerca deve presentare un’offerta di remunerazione e fornire agli editori di stampa le informazioni necessarie per valutare questa offerta entro due mesi, altrimenti rischia una multa fino a 900.000 euro al giorno.

L’industria dell’informazione francese, compreso il Sindacato degli editori di riviste, l’Alleanza della stampa di informazione generale (APIG in francese) e l’Agence France-Presse (AFP), si era lamentata con l’Autorité de la concurrence che Google non stava negoziando accordi di licenza “in buona fede”, dopo che i legislatori francesi hanno introdotto il diritto confinante dell’UE nella legislazione nazionale.

Sostengono che la società non ha rispettato le misure provvisorie imposte dall’autorità garante della concorrenza, che richiedeva a Google di sedersi con l’industria della stampa per trovare un accordo per pagare le notizie. Nel frattempo, APIG e Google hanno annunciato un accordo sul pagamento del materiale informativo a gennaio, ma secondo quanto riferito l’accordo vale solo 76 milioni di dollari in tre anni.

“Siamo molto delusi da questa decisione: abbiamo agito in buona fede durante l’intero processo. La multa ignora i nostri sforzi per raggiungere un accordo e la realtà di come funzionano le notizie sulle nostre piattaforme. Ad oggi, Google è l’unica azienda ad aver annunciato accordi sui diritti connessi”, ha affermato un portavoce di Google in una nota, aggiungendo che la società stava per finalizzare un accordo globale con AFP.

Related posts

Xi visita l’Arabia Saudita per rafforzare i legami

Il tribunale tedesco stabilisce che l’UE non ha l’autorità per assumersi il debito comune da 750 miliardi

Italia peggiore del G20 per Salari Reali: -12% dal 2008