E’ guerra tra Israele e Hamas. La Shoah non ha insegnato nulla

Mercoledì le ostilità tra Israele e Hamas sono aumentate, sono almeno 35 i morti a Gaza e cinque in Israele. Mercoledì mattina Israele ha effettuato centinaia di attacchi aerei a Gaza, mentre il gruppo islamista e altri militanti palestinesi hanno sparato più raffiche di razzi su Tel Aviv e Beersheba.

Un edificio residenziale a più piani a Gaza è crollato e un altro è stato gravemente danneggiato dopo essere stato ripetutamente colpito dagli attacchi aerei israeliani.

Israele ha detto che i suoi jet avevano preso di mira e ucciso molti leader dell’intelligence di Hamas all’inizio di mercoledì. Altri attacchi hanno preso di mira ciò che i militari hanno detto essere siti di lancio di razzi, uffici di Hamas e case dei leader di Hamas.

È stata l’offensiva più pesante tra Israele e Hamas dalla guerra a Gaza del 2014 e ha suscitato la preoccupazione internazionale che la situazione potesse sfuggire dal controllo.

L’inviato di pace delle Nazioni Unite per il Medio Oriente Tor Wennesland ha twittato: “Spegnete immediatamente il fuoco. Stiamo intensificando verso una guerra su vasta scala. I leader di tutte le parti devono assumersi la responsabilità della riduzione dell’escalation”.

“Il costo della guerra a Gaza è devastante e viene pagato dalla gente comune. L’ONU sta lavorando con tutte le parti per riportare la calma. Fermate la violenza ora”, ha scritto.

Le case di Gaza hanno tremato e il cielo si è illuminato per gli attacchi israeliani, i razzi in uscita e i missili della difesa aerea israeliana che li intercettavano. Almeno 30 esplosioni sono state udite nel giro di pochi minuti subito dopo l’alba di mercoledì.

Gli israeliani sono corsi in cerca di ripari o si sono appiattiti sui marciapiedi in comunità a più di 70 km lungo la costa e nel sud di Israele tra i rumori delle esplosioni mentre i missili intercettori venivano lanciati.

Nella città mista arabo-ebraica di Lod, vicino a Tel Aviv, due persone sono morte dopo che un razzo ha colpito un veicolo nella zona. Lod e altre città miste sono state attanagliate da manifestazioni rabbiose per la violenza e le tensioni a Gaza a Gerusalemme.

L’ala armata di Hamas ha detto di aver lanciato 210 razzi verso Beersheba e Tel Aviv in risposta al bombardamento delle torri di Gaza City. L’esercito israeliano afferma che circa un terzo dei razzi non è andato a buon fine, atterrando a Gaza.

Per Israele, l’attacco dei militanti a Tel Aviv, la sua capitale commerciale, ha rappresentato una nuova sfida nel confronto con il gruppo islamista di Hamas, considerato un’organizzazione terroristica da Israele e dagli Stati Uniti.

Le violenze sono seguite a settimane di tensione a Gerusalemme durante il mese di digiuno musulmano del Ramadan, con scontri tra polizia israeliana e manifestanti palestinesi dentro e intorno alla Moschea di Al-Aqsa, nel complesso venerato dagli ebrei come Monte del Tempio e dai musulmani come Nobile Santuario.

Questi si sono intensificati negli ultimi giorni in vista di un’udienza – ora rinviata – in un caso che potrebbe concludersi con famiglie palestinesi sfrattate dalle case di Gerusalemme Est rivendicate dai coloni ebrei.

La violenza è esplosa anche nella Cisgiordania occupata, dove un palestinese di 26 anni è stato ucciso da colpi di arma da fuoco durante scontri con lancio di pietre in un campo profughi vicino alla città di Hebron.

Non sembrava esserci una fine imminente alla violenza. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha avvertito che i militanti avrebbero pagato un prezzo “molto alto” per i razzi, che hanno raggiunto la periferia di Gerusalemme lunedì durante una vacanza in Israele per commemorare la sua cattura di Gerusalemme est in una guerra del 1967.

Lo scoppio delle ostilità ha portato gli oppositori politici di Netanyahu a sospendere i negoziati sulla formazione di una coalizione di partiti di destra, di sinistra e di centro-sinistra per spodestarlo dopo un’elezione inconcludente del 23 marzo.

La Lega Araba, alcuni dei cui membri hanno riscaldato i legami con Israele nell’ultimo anno, l’ha accusata di attacchi “indiscriminati e irresponsabili” a Gaza e ha detto che era responsabile di “una pericolosa escalation” a Gerusalemme.

Hamas ha chiamato il suo attacco missilistico “Spada di Gerusalemme”, cercando di emarginare il presidente palestinese Mahmoud Abbas e di presentarsi come i guardiani dei palestinesi a Gerusalemme.

Il leader del gruppo militante, Ismail Haniyeh, ha detto che Israele ha “acceso il fuoco a Gerusalemme e Al-Aqsa e le fiamme si sono estese a Gaza, quindi è responsabile delle conseguenze”.

Haniyeh ha detto che il Qatar, l’Egitto e le Nazioni Unite erano in contatto sollecitando la calma, ma il messaggio di Hamas a Israele era: “Se vogliono intensificare, la resistenza è pronta, se vogliono fermarsi, la resistenza è pronta”.

La Casa Bianca ha detto martedì che Israele aveva il diritto legittimo di difendersi dagli attacchi missilistici, ma ha esercitato pressioni su Israele per il trattamento dei palestinesi, dicendo che Gerusalemme deve essere un luogo di convivenza.

Gli Stati Uniti stavano ritardando gli sforzi del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per rilasciare una dichiarazione pubblica sull’escalation delle tensioni perché potrebbe essere dannoso per gli sforzi dietro le quinte per porre fine alla violenza, secondo i diplomatici e una fonte familiare con la strategia degli Stati Uniti.

Il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha esortato alla calma e alla “moderazione da entrambe le parti”, dicendo: “La perdita di vite umane, la perdita di vite israeliane, la perdita di vite palestinesi, è qualcosa di cui ci rammarichiamo profondamente”.

Ha aggiunto: “Stiamo sollecitando questo messaggio di allentamento per vedere la fine di questa perdita di vite umane”.

Israele ha detto di aver inviato 80 jet per bombardare Gaza e inviato fanteria e armature per rinforzare i carri armati già radunati al confine, evocando i ricordi dell’ultima incursione terrestre israeliana a Gaza per fermare gli attacchi missilistici nel 2014.

Più di 2.100 abitanti di Gaza sono stati uccisi nella guerra di sette settimane che seguì, secondo il ministero della salute di Gaza, insieme a 73 israeliani, e migliaia di case a Gaza furono rase al suolo dalle forze israeliane.

Le riprese video di martedì hanno mostrato tre pennacchi di fumo nero e denso che si alzavano da un edificio residenziale e di uffici di 13 piani a Gaza mentre si rovesciava dopo essere stato demolito dagli attacchi aerei israeliani.

L’esercito israeliano ha detto che l’edificio, nel quartiere Rimal di Gaza City, ospitava “più” uffici di Hamas, compresi quelli per la ricerca e lo sviluppo militare e l’intelligence militare.

La causa scatenante di questa guerra è l’ignoranza dettata da un’intolleranza scaturita da menti troppo piccole per poter attuare una convivenza pacifica. La violenza viene condannata da ambo le parti è chiaro. Il problema tra Arabi e Ebrei potrebbe essere risolto semplicemente convivendo in maniera pacifica e armoniosa, senza imporre dogmi o regole di cultura o di religione altrui.

L’errore venne fatto in principio quando si è deciso di creare dal nulla uno Stato formato solo da ebrei che tenga esclusi da quella terra chi ci aveva abitato fino ad allora. Nato come uno Stato segregato e chiuso solo ad ebrei, Israele doveva essere un paese libero da intolleranze di culto o di religione, doveva nascere come lo Stato di tutti, per dare una risposta positiva al mondo per tutti gli anni di persecuzioni, di ingiustizie e di genocidi subiti; e anche per far capire a tutti che si può convivere in maniera pacifica e armoniosa se ci liberiamo dai nostri pregiudizi e dalle intolleranze. Ma col senno di poi pare che l’essere umano sia più che bravo a riportare i fatti storici e gli eventi accaduti nel passato, come la Shoah, ma, purtroppo per noi, sono un’eredità inutile, poiché nulla di tutto ciò ci è servito da lezione per il futuro!

Ricordare la Shoah e non condannare: l’oppressione di Israele nei confronti dei palestinesi, i “campi di concentramento” in Libia, le oppressioni dei diritti umani dei vari partner arabi o i centri di rieducazione uiguri, le invasioni e le repressioni della Cina è da ipocriti ed è insulto nei confronti di chi, in quei campi, ha perso la vita.

Related posts

Intervista al Segretario generale della CGIL Sicilia Alfio Mannino: “L’autonomia differenziata spacca il Paese”

Il ruolo della NATO in Ucraina minaccia un’escalation “imprevedibile”, secondo Mosca

Il governo Meloni si piega solo alle lobby delle armi