Daphne Caruana Galizia: Malta viene accusata dell’omicidio della giornalista

Di Ginevra Lestingi

Un’inchiesta pubblica sull’assassinio della giornalista investigativa maltese Daphne Caruana Galizia ha accertato lo stato responsabile della sua morte.

Il rapporto afferma che lo stato non è riuscito a riconoscere i rischi per la vita della giornalista e ad adottare misure ragionevoli per evitarli. Caruana Galizia è morta in un attentato con un’autobomba vicino a casa sua nell’ottobre 2017.

Un’indagine ha portato alle dimissioni del primo ministro Joseph Muscat nel 2019 dopo che i suoi stretti collaboratori erano stati implicati. Tuttavia, ha negato le accuse di corruzione.

Chiamata “one-woman Wikileaks”, Caruana Galizia ha scoperto reti di corruzione nel paese e all’estero.

All’età di 53 anni quando è morta, ha trascorso 30 anni come giornalista. Ha accusato implacabilmente politici maltesi e altri funzionari di corruzione nel suo popolare blog Running Commentary.

Era un duro critico del governo. Nel 2017 ha effettivamente innescato un’elezione anticipata pubblicando accuse che collegano Muscat allo scandalo dei Panama Papers, che ha esposto l’uso dei paradisi fiscali da parte dei ricchi.

La famiglia di Caruana Galizia ha cercato un’inchiesta pubblica indipendente sul suo omicidio. Il signor Muscat ha dato il via libera, pochi mesi prima di dimettersi.

Negli ultimi due anni, l’inchiesta ha ascoltato decine di testimoni, tra investigatori, politici e giornalisti.

Nelle sue conclusioni, scritte in un rapporto di 437 pagine, si afferma che lo Stato ha “creato un’atmosfera di impunità, generata dalle più alte sfere”.

Ha citato una “vicinanza ingiustificata” tra grandi imprese e governo. Il rapporto ha anche formulato raccomandazioni per migliorare le leggi e proteggere meglio i giornalisti a Malta. Finora solo una manciata di persone sono state accusate.

A febbraio, uno dei tre uomini accusati dell’omicidio di Caruana Galizia si è dichiarato colpevole ed è stato incarcerato per 15 anni. Gli altri devono ancora essere processati.

Anche una quarta persona, l’uomo d’affari maltese Yorgen Fenech, è stato accusato di complicità nell’omicidio, un’accusa che lui nega.

È stato arrestato nel novembre 2019 mentre cercava di salpare da Malta su uno yacht ed è ora in attesa di processo.

Dopo l’assassinio di Caruana Galizia, suo figlio Paul si è scagliato contro quello che ha definito lo “stato mafioso” del Paese.

Sua madre era stata uccisa “perché si trovava tra lo stato di diritto e coloro che cercavano di violarlo”, ha detto.

In una dichiarazione di giovedì, la sua famiglia ha dichiarato: “Speriamo che i suoi risultati portino al ripristino dello stato di diritto a Malta”.

Related posts

Il tribunale tedesco stabilisce che l’UE non ha l’autorità per assumersi il debito comune da 750 miliardi

Italia peggiore del G20 per Salari Reali: -12% dal 2008

Bankitalia e Confindustria criticano la manovra ma Meloni distrae con il Pnrr