Cambiamento climatico: Le previsioni delle Nazioni Unite segnalano una “catastrofe”

Secondo il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, i piani nazionali per ridurre il carbonio sono molto al di sotto di ciò che è necessario per evitare pericolosi cambiamenti climatici.

Il loro rapporto sul divario delle emissioni afferma che gli impegni dei paesi non riusciranno a mantenere la temperatura globale al di sotto di 1,5°C in questo secolo. L’analisi di Unep suggerisce che il mondo sta per riscaldarsi intorno ai 2,7 °C con impatti estremamente distruttivi.

Ma c’è speranza che, se vengono raggiunti gli obiettivi di zero netto a lungo termine, le temperature possono essere significativamente contenute.

A pochi giorni dall’apertura della COP26 a Glasgow, un altro rapporto scientifico sul cambiamento climatico è “un altro tonante campanello d’allarme”, secondo il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres.

Questa settimana, abbiamo già avuto uno studio dell’OMM che mostra che i gas di riscaldamento hanno raggiunto un nuovo massimo l’anno scorso, nonostante la pandemia.

Giunto al suo dodicesimo anno, questo rapporto sul divario delle emissioni esamina i contributi determinati a livello nazionale o piani di riduzione del carbonio che i paesi hanno presentato alle Nazioni Unite prima della COP.

Questi impegni sono validi fino al 2030 e sono stati presentati da 120 paesi. Il rapporto rileva che, sommati, i piani riducono le emissioni di gas serra nel 2030 di circa il 7,5% rispetto agli impegni precedenti assunti cinque anni fa.

Questo non è sufficiente per mantenere la soglia di temperatura di 1,5 °C, affermano gli scienziati che hanno compilato lo studio.

Per mantenere una temperatura che non superi 1,5°C, rispetto a quella attuale, sarebbero necessari tagli del 55% entro la stessa data del 2030. Ciò significa che i piani attuali dovrebbero avere sette volte il livello di ambizione per rimanere al di sotto di tale limite.

“Per avere una possibilità di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, abbiamo otto anni per dimezzare quasi le emissioni di gas serra: otto anni per fare i piani, mettere in atto le politiche, implementarle e infine realizzare i tagli”, ha affermato Inger Andersen, direttore esecutivo dell’Unep.

Secondo gli autori, le attuali promesse vedrebbero il mondo scaldarsi di 2,7°C in questo secolo, uno scenario che Antonio Guterres chiama una “catastrofe climatica”. Ritiene che il rapporto evidenzi i fallimenti dei leader politici.

“Il divario di emissioni è il risultato di un divario di leadership”, ha detto al lancio dello studio.

“Ma i leader possono ancora fare di questo un punto di svolta per un futuro più verde invece di un punto di svolta verso la catastrofe climatica”. Come suggerisce il Segretario generale delle Nazioni Unite, la relazione contiene alcuni segnali di speranza.

Circa 50 paesi più l’UE hanno promesso un obiettivo zero netto per la metà di questo secolo. Queste strategie coprono oltre la metà delle emissioni di gas serra.

L’analisi di Unep rileva che se questi piani fossero implementati completamente, questo potrebbe ridurre di 0,5 °C l’aumento della temperatura entro il 2100.

Ciò porterebbe il livello della temperatura globale a 2,2°C, il che vedrebbe effetti drammatici e mortali dal riscaldamento, ma sarebbe un passo nella giusta direzione da dove è attualmente diretto il mondo.

Il problema, tuttavia, è che molti di questi obiettivi zero netto sono ambigui, affermano gli autori, in particolare tra le 20 nazioni più ricche del mondo si possono notare una dozzina di piani a lungo termine piuttosto vaghi.

Molti ritardano tagli significativi fino a dopo il 2030, sollevando seri dubbi sul fatto che possano davvero fornire zero netto solo 20 anni dopo.

Un altro segnale di speranza riguarda il metano. Il rapporto afferma inoltre che esiste un grande potenziale per fare progressi su queste emissioni, che sono la seconda fonte di riscaldamento.

Fino al 20% di queste emissioni dai combustibili fossili, dai rifiuti e dall’agricoltura potrebbe essere arginato a costi bassi o nulli.

Tuttavia, l’opportunità di sviluppare un mondo molto più verde mentre il mondo si riprende dal Covid rischia di andare persa, affermano gli autori.

Scoprono che circa il 20% degli investimenti per la ripresa sosterrà le energie rinnovabili e l’economia verde.

“Le enormi somme spese per recuperare le economie da Covid-19 sono un’opportunità irripetibile per promuovere tecnologie e industrie a basse emissioni di carbonio. Nella maggior parte dei casi, questa opportunità non viene colta”, ha affermato Brian O’Callaghan, project manager dell’Oxford University Economic Recovery Project e autore del rapporto Unep.

“Questo è uno schiaffo in faccia alle nazioni più vulnerabili che stanno soffrendo le peggiori conseguenze del cambiamento climatico… rimaniamo senza un impegno da parte dei più alti responsabili delle emissioni per coprire le perdite e i danni che hanno causato al mondo”.

Related posts

La variante Omicron atterra in Italia

La nuova variante Omicron innesca allarme globale e ‘schianta’ il mercato

Italia e Francia rafforzano i legami strategici mentre l’uscita di Merkel mette alla prova l’Europa