Afghanistan: attacco mortale alla moschea Kunduz durante la preghiera del venerdì

Di Gaia Marino

Un attentato suicida contro una moschea nella città afgana di Kunduz ha ucciso almeno 50 persone. Gli esperti hanno classificato l’attacco come il più distruttivo e mortale da quando le forze statunitensi se ne sono andate dalla regione.

I corpi sono stati visti sparsi all’interno della moschea di Said Abad, utilizzata dalla minoranza musulmana sciita.

Più di 100 persone sono rimaste ferite nell’esplosione nella città settentrionale. Il gruppo dello Stato Islamico ha rivendicato l’attacco. Gli estremisti musulmani sunniti hanno preso di mira gli sciiti che considerano eretici.

IS-K, l’affiliata regionale afghana del gruppo IS che si oppone violentemente ai talebani al governo, ha recentemente effettuato diversi attentati, soprattutto nell’est del Paese.

Secondo quanto riferito, un attentatore suicida dell’IS si è fatto esplodere mentre i fedeli si radunavano all’interno della moschea per la preghiera del venerdì.

Zalmai Alokzai, un uomo d’affari locale che si è precipitato in ospedale per verificare se i medici avessero bisogno di donazioni di sangue, ha descritto di aver visto scene caotiche dopo l’attacco.

“Le ambulanze stavano tornando sul luogo dell’incidente per trasportare i morti”, ha detto all’agenzia di stampa AFP.

I funzionari della sicurezza locale sono stati citati da Tolo News secondo cui più di 300 persone stavano partecipando alle preghiere quando è avvenuto l’attacco. Si teme che il bilancio delle vittime aumenti ulteriormente.

Le Nazioni Unite hanno affermato che l’attentato di venerdì è stato un “terzo attacco mortale questa settimana apparentemente contro un’istituzione religiosa” e faceva parte di un “inquietante schema di violenza”.

L’ONU ha fatto riferimento all’attentato di domenica vicino a una moschea nella capitale Kabul, che ha provocato la morte di diverse persone, e all’assalto di mercoledì a una madrassa (istituto scolastico) nella città orientale di Khost.

Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno affermato che sabato i diplomatici terranno i primi colloqui di persona con i leader talebani dal ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan.

Durante i due giorni di incontri gli Stati Uniti avrebbero sollecitato i talebani a rispettare i diritti delle donne, formare un governo inclusivo e consentire alle agenzie umanitarie di operare, ha affermato un portavoce del dipartimento di stato.

Related posts

Le forze israeliane invadono Gaza da nord a sud

Putin minaccia uno scontro globale mentre la Russia rievoca la vittoria nella Seconda Guerra Mondiale

Ucraina: Le Nazioni Unite affermano che un missile della Corea del Nord è esploso a Kharkiv