30 marzo 1981: Il presidente Ronald Reagan “viene sparato”

Di Eugenio Magnoli

Il 30 marzo 1981, il presidente Ronald Reagan viene colpito al petto fuori da un hotel di Washington, D.C., da uno squilibrato di nome John Hinckley Jr.

Il presidente aveva appena finito di parlare a una riunione di lavoro al Washington Hilton Hotel e stava camminando con il suo entourage verso la sua limousine quando Hinckley, in piedi in mezzo a un gruppo di giornalisti, sparò sei colpi al presidente, colpendo Reagan e tre dei suoi assistenti. Il segretario stampa della Casa Bianca James Brady è stato colpito alla testa e ferito gravemente, l’agente dei servizi segreti Timothy McCarthy è stato colpito al fianco e il poliziotto del Distretto di Columbia Thomas Delahanty è stato colpito al collo. Dopo aver sparato, Hinckley è stato sopraffatto e bloccato contro un muro, e il presidente Reagan, apparentemente ignaro di essere stato colpito, è stato spinto nella sua limousine da un agente dei servizi segreti e portato di corsa all’ospedale.

Il presidente è stato colpito al polmone sinistro e il proiettile calibro 22 gli ha mancato il cuore. In un’impresa impressionante per un uomo di 70 anni con un polmone collassato, è entrato al George Washington University Hospital. Mentre veniva curato e preparato per un intervento chirurgico, era di buon umore e ha scherzato con sua moglie, Nancy, “Tesoro, ho dimenticato di abbassarmi” e con i suoi chirurghi: “Per favore, dimmi che sei repubblicano”. L’intervento di Reagan è durato due ore, dopodiché è stato elencato in condizioni stabili e buone.

Il giorno successivo, il presidente ha ripreso alcuni dei suoi doveri esecutivi e ha firmato un atto legislativo dal suo letto d’ospedale. L’11 aprile è tornato alla Casa Bianca. La popolarità di Reagan è aumentata vertiginosamente dopo il tentativo di omicidio e alla fine di aprile ha ricevuto un benvenuto da eroe al Congresso. Ad agosto, lo stesso Congresso ha approvato il suo controverso programma economico, con diversi Democratici che hanno rotto i ranghi per sostenere il piano di Reagan. A questo punto, Reagan affermò di essersi completamente ripreso dal tentativo di assassinio. In privato, tuttavia, avrebbe continuato a sentire per anni gli effetti della ferita da arma da fuoco quasi mortale.

Delle vittime del tentativo di omicidio, l’agente dei servizi segreti Timothy McCarthy e il poliziotto di DC Thomas Delahanty alla fine si sono ripresi. James Brady, che è quasi morto dopo essere stato colpito da un colpo di pistola in un occhio, ha subito danni permanenti al cervello. In seguito divenne un sostenitore del controllo delle armi e nel 1993 il Congresso approvò il “Brady Bill”, che stabiliva un periodo di attesa di cinque giorni e controlli dei precedenti per i potenziali acquirenti di armi. Il presidente Bill Clinton ha firmato il disegno di legge.

Dopo essere stato arrestato il 30 marzo 1981, il venticinquenne John Hinckley è stato arrestato con l’accusa federale di aver tentato di assassinare il presidente. In precedenza era stato arrestato nel Tennessee con l’accusa di possesso di armi. Nel giugno 1982 fu dichiarato non colpevole poiché incapace di intendere e volere. Nel processo, gli avvocati della difesa di Hinckley hanno sostenuto che il loro cliente era malato di disturbo narcisistico di personalità, citando prove mediche e aveva un’ossessione patologica con il film del 1976 Taxi Driver, in cui il personaggio principale tenta di assassinare un senatore immaginario.

I suoi avvocati hanno affermato che Hinckley ha visto il film più di una dozzina di volte, era ossessionato dall’attrice protagonista, Jodie Foster, e aveva tentato di ricostruire gli eventi del film nella sua vita. Quindi il film, non Hinckley, sostenevano, era la vera forza di pianificazione dietro gli eventi che si sono verificati il ​​30 marzo 1981.

Il verdetto di “non colpevole per follia” ha suscitato critiche pubbliche diffuse e molti sono rimasti scioccati dal fatto che un aspirante assassino presidenziale potesse evitare di essere ritenuto responsabile per il suo crimine. Tuttavia, a causa della sua ovvia minaccia per la società, è stato ricoverato al St. Elizabeth’s Hospital, un istituto psichiatrico. Alla fine degli anni ’90, l’avvocato di Hinckley iniziò a sostenere che la sua malattia mentale era in remissione e quindi aveva il diritto di tornare a una vita normale.

A partire dall’agosto 1999, gli sono state concesse gite giornaliere sorvegliate fuori dall’ospedale e in seguito gli è stato permesso di visitare i suoi genitori una volta alla settimana senza supervisione. I servizi segreti lo hanno monitorato volontariamente durante queste uscite. Nel 2016 gli è stata concessa una liberazione condizionale per trasferirsi con sua madre a Williamsburg, in Virginia. Nel 2018, un giudice ha stabilito che ora può vivere entro 120 miglia da Williamsburg, a condizione che si incontri regolarmente con il suo psichiatra e assistente sociale, tra le altre condizioni.

 

Related posts

Intervista all’on. Giuseppe Lupo: “Noi vogliamo l’Europa di David Sassoli, il quale diceva che ‘l’Europa deve innovare, proteggere ed essere faro”.

Sciopero Rai: I giornalisti si ribellano al bavaglio meloniano

Ucraina: Le Nazioni Unite affermano che un missile della Corea del Nord è esploso a Kharkiv