Afghanistan: Al-Qaeda potrebbe minacciare gli Stati Uniti nel giro di un anno

Martedì il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha dichiarato al Congresso che l’improvviso crollo dell’esercito afghano ha colto alla sprovvista il Pentagono, riconoscendo gli errori di calcolo nella guerra più lunga d’America, tra cui la corruzione e il morale danneggiato nei ranghi afgani.

“Il fatto che l’esercito afghano che noi e i nostri partner abbiamo addestrato si sia semplicemente sciolto – in molti casi senza sparare un colpo – ci ha colti tutti di sorpresa”, ha detto Austin al Comitato per le forze armate del Senato. “Sarebbe disonesto affermare il contrario”.

Austin stava parlando all’inizio di alcune udienze per spiegare la fine caotica della guerra in Afghanistan, che è costata la vita alle truppe e ai civili statunitensi e ha riportato i talebani al potere.

Le commissioni del Senato e della Camera che sovrintendono alle forze armate statunitensi stanno tenendo udienze rispettivamente martedì e mercoledì, e i repubblicani sperano di concentrarsi su quelli che considerano errori commessi dall’amministrazione del presidente Joe Biden verso la fine della guerra di due decenni fa.

Le udienze seguono un interrogatorio simile avvenuto due settimane fa che ha visto il Segretario di Stato americano Antony Blinken difendere strenuamente l’amministrazione, anche se ha dovuto affrontare le richieste delle sue dimissioni.

Biden ha affrontato la più grande crisi della sua presidenza per la drammatica perdita della guerra in Afghanistan e per la gestione americana del suo travagliato ritiro, sollevando interrogativi sul suo giudizio e sulla sua competenza in politica estera.

Il senatore James Inhofe, il massimo repubblicano della Commissione per le forze armate del Senato, ha accusato apertamente l’amministrazione Biden. Inhofe ha affermato che Biden ha ignorato le raccomandazioni dei suoi leader militari e ha lasciato indietro molti americani dopo il ritiro degli Stati Uniti.

“Abbiamo tutti assistito all’orrore della creazione del presidente”, ha detto Inhofe.

Il generale dell’esercito Mark Milley, presidente del Joint Chiefs of Staff, ha testimoniato di non prevedere la velocità dell’acquisizione talebana. Ma ha notato gli avvertimenti dei militari dalla fine del 2020 che un ritiro accelerato – senza essere vincolato ad alcuna condizione – potrebbe accelerare il crollo dell’esercito e del governo afghani.

“Questo è stato un anno fa. La mia valutazione è rimasta coerente per tutto il tempo”, ha detto Milley.

Austin ha elogiato il personale americano che ha aiutato il trasporto aereo di 124.000 afgani fuori dal paese, un’operazione che è costata anche la vita a 13 soldati statunitensi e decine di afgani in un attentato suicida fuori dall’aeroporto di Kabul.

“Era perfetto? Certo che no”, ha detto Austin, notando i disperati afghani che sono morti cercando di salire sul lato di un aereo militare americano e i civili uccisi nell’ultimo attacco di droni degli Stati Uniti della guerra.

Milley ha affermato che i talebani “rimangono un’organizzazione terroristica” che non ha rotto i legami con al Qaeda. Ha avvertito che una ricostituita al Qaeda in Afghanistan con l’aspirazione di attaccare gli Stati Uniti è “una possibilità molto reale” – forse in meno di un anno.

È probabile che questo avvertimento possa turbare i legislatori repubblicani, che sono scettici sulla capacità del Pentagono di tenere traccia delle minacce di al Qaeda e dello Stato islamico e di agire rapidamente su qualsiasi informazione che ottiene.

Tuttavia, Austin ha difeso i piani dell’amministrazione Biden per affrontare le future minacce antiterrorismo di gruppi come al Qaeda e lo Stato islamico volando con droni o commando dall’estero.

“Le operazioni oltre l’orizzonte sono difficili ma assolutamente possibili. E l’intelligence che le supporta proviene da una varietà di fonti, non solo dagli stivali statunitensi sul campo”, ha detto Austin.

Related posts

Intervista ad Andrea Orlando(Pd) “L’Europa non deve essere piegata sulla dimensione del rigore e dell’austerità”

Intervista all’on. Giuseppe Lupo: “Noi vogliamo l’Europa di David Sassoli, il quale diceva che ‘l’Europa deve innovare, proteggere ed essere faro”.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi è morto in un incidente in elicottero