79 d.C., il Vesuvio erutta distruggendo Pompei ed Ercolano

Di Eugenio Magnoli

Il 24 agosto, dopo secoli di letargo, il Vesuvio erutta, devastando le prospere città romane di Pompei ed Ercolano e uccidendo migliaia di persone.

Le città, sepolte sotto uno spesso strato di materiale vulcanico e fango, non furono mai ricostruite e in gran parte dimenticate nel corso della storia. Nel XVIII secolo, Pompei ed Ercolano furono riscoperte e scavate, fornendo una documentazione archeologica senza precedenti della vita quotidiana di un’antica civiltà, sorprendentemente conservata nella morte improvvisa.

Le antiche città di Pompei ed Ercolano prosperarono vicino alla base del Vesuvio nel Golfo di Napoli. Ai tempi del primo impero romano, a Pompei vivevano 20.000 persone, tra mercanti, produttori e agricoltori che sfruttavano il ricco suolo della regione con numerosi vigneti e frutteti.

Nessuno sospettava che la nera terra fertile fosse l’eredità di precedenti eruzioni del Vesuvio. Ercolano era una città di 5.000 abitanti e una delle mete estive preferite dai ricchi romani.

Chiamata così per il mitico eroe Ercole, Ercolano ospitava ville opulente e grandi terme romane. I manufatti del gioco d’azzardo trovati a Ercolano e un bordello rinvenuto a Pompei attestano la natura decadente delle città. C’erano anche comunità turistiche più piccole nella zona, come la tranquilla cittadina di Stabiae.

A mezzogiorno del 24 agosto 79 d.C., questo piacere e questa prosperità ebbero fine quando la vetta del Vesuvio esplose, proiettando nella stratosfera un fungo atomico di 10 miglia di cenere e pomice.

Per le successive 12 ore, la cenere vulcanica e una grandinata di pietre pomice fino a 3 pollici di diametro hanno inondato Pompei, costringendo gli abitanti della città a fuggire terrorizzati. Circa 2.000 persone sono rimaste a Pompei, rintanate in cantine o strutture in pietra, nella speranza di aspettare l’eruzione.

Un vento da ovest protesse Ercolano dalla fase iniziale dell’eruzione, ma poi una gigantesca nube di cenere e gas incandescenti si sollevò lungo il fianco occidentale del Vesuvio, inghiottendo la città e bruciando o asfissiando tutti coloro che erano rimasti. Questa nube letale fu seguita da un’inondazione di fango e roccia vulcanica che seppellì la città.

Le persone rimaste a Pompei sono state uccise la mattina del 25 agosto quando una nuvola di gas tossico si è riversata nella città, soffocando tutto ciò che rimaneva. Seguì un flusso di roccia e cenere, facendo crollare tetti e muri e seppellendo i morti.

Gran parte di ciò che sappiamo dell’eruzione proviene da un resoconto di Plinio il Giovane, che si trovava a ovest lungo il Golfo di Napoli quando esplose il Vesuvio.

In due lettere allo storico Tacito raccontò di come «la gente si copriva il capo con dei cuscini, unica difesa contro una pioggia di sassi» e di come «una nube oscura e orribile, carica di materia combustibile, si ruppe improvvisamente e partì. Alcuni piansero il proprio destino. Altri hanno pregato di morire”. Plinio, all’epoca aveva solo 17 anni, scampò alla catastrofe e in seguito divenne un noto scrittore e amministratore romano.

Suo zio, Plinio il Vecchio, fu meno fortunato. Plinio il Vecchio, celebre naturalista, al momento dell’eruzione era comandante della flotta romana nel Golfo di Napoli. Dopo che il Vesuvio è esploso, ha portato le sue barche attraverso la baia a Stabiae, per indagare sull’eruzione e rassicurare i cittadini terrorizzati. Dopo essere sceso a terra, è stato travolto da gas tossici ed è morto.

Secondo il racconto di Plinio il Giovane, l’eruzione durò 18 ore. Pompei fu sepolta sotto 14-17 piedi di cenere e pomice, e il vicino litorale fu drasticamente cambiato. Ercolano fu sepolta sotto più di 60 piedi di fango e materiale vulcanico. Alcuni abitanti di Pompei tornarono in seguito per scavare le loro case distrutte e recuperare i loro oggetti di valore, ma molti tesori furono lasciati e poi dimenticati.

Nel XVIII secolo, uno scavatore di pozzi portò alla luce una statua in marmo nel sito di Ercolano. Il governo locale ha scavato alcuni altri oggetti d’arte di valore, ma il progetto è stato abbandonato. Nel 1748 un contadino trovò tracce di Pompei sotto la sua vigna. Da allora gli scavi sono proseguiti quasi senza interruzione fino ad oggi. Nel 1927, il governo riprese gli scavi di Ercolano, recuperando numerosi tesori d’arte, tra cui statue e dipinti in bronzo e marmo.

I resti di 2.000 uomini, donne e bambini sono stati trovati a Pompei. Dopo essere morti per asfissia, i loro corpi furono ricoperti di cenere che si indurì. Più tardi, i loro corpi si sono decomposti in resti scheletrici, lasciando dietro di sé una specie di calco in gesso.

Gli archeologi che hanno trovato questi stampi hanno riempito le cavità di gesso, rivelando nei minimi dettagli la posa di morte delle vittime del Vesuvio. Anche il resto della città è congelato nel tempo e gli oggetti ordinari che raccontano la vita quotidiana a Pompei sono preziosi per gli archeologi quanto le grandi statue e gli affreschi rinvenuti. Non è stato prima del 1982 che i primi resti umani sono stati trovati a Ercolano, e queste centinaia di scheletri portano orribili segni di bruciature che testimoniano morti orribili.

Oggi il Vesuvio è l’unico vulcano attivo del continente europeo. La sua ultima eruzione è stata nel 1944 e la sua ultima grande eruzione è stata nel 1631. Un’altra eruzione è prevista nel prossimo futuro, che potrebbe essere devastante per le 700.000 persone che vivono nelle “zone della morte” intorno al Vesuvio.

Related posts

Catania, il Congresso di Fratelli d’Italia rielegge Alberto Cardillo, Presidente provinciale del Partito. Le prime indiscrezioni sulle candidature alle Europee

Intelligenza artificiale: imparare ad imparare

L’impegno di Biden nei confronti dei musulmani americani “fallisce” con la guerra in Medio Oriente