Home Approfondimenti 5 novembre 1941: La flotta giapponese riceve l’ordine di attaccare Pearl Harbor

5 novembre 1941: La flotta giapponese riceve l’ordine di attaccare Pearl Harbor

by Freelance

Di Eugenio Magnoli

Il 5 novembre 1941, la flotta giapponese combinata riceve l’ordine top-secret n. 1: in poco più di un mese, Pearl Harbor sarà bombardata, insieme alla Malesia, alle Indie orientali olandesi e alle Filippine.

Le relazioni tra gli Stati Uniti e il Giappone si erano deteriorate rapidamente dall’occupazione giapponese dell’Indocina nel 1940 e dall’implicita minaccia delle Filippine (un protettorato americano), con l’occupazione della base navale di Cam Ranh a circa 800 miglia da Manila.

La rappresaglia americana includeva il sequestro di tutti i beni giapponesi negli Stati Uniti e la chiusura del Canale di Panama alla navigazione giapponese.

Nel settembre 1941, il presidente Roosevelt emise una dichiarazione, redatta dal primo ministro britannico Winston Churchill, che minacciava la guerra tra gli Stati Uniti e il Giappone se i giapponesi avessero invaso ulteriormente il territorio nel sud-est asiatico o nel Pacifico meridionale.

L’esercito giapponese aveva a lungo dominato gli affari esteri giapponesi; sebbene fossero in corso negoziati ufficiali tra il segretario di Stato americano e il suo omologo giapponese per allentare le tensioni, Hideki Tojo, il ministro della guerra che sarebbe presto diventato primo ministro, non aveva intenzione di ritirarsi dai territori catturati.

Ha anche interpretato la “minaccia” americana di guerra come un ultimatum e si è preparato a sferrare il primo colpo in uno scontro nippo-americano: il bombardamento di Pearl Harbor.

E così Tokyo consegnò l’ordine a tutti i comandanti di flotta pertinenti, che non solo gli Stati Uniti – e il suo protettorato nelle Filippine – ma anche le colonie britanniche e olandesi nel Pacifico dovevano essere attaccate. Stava per essere dichiarata guerra all’intero Occidente.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento