4 luglio 1776: Il Congresso degli Stati Uniti d’America dichiara la propria indipendenza

Di Eugenio Magnoli

A Filadelfia, in Pennsylvania, il Congresso continentale adotta la Dichiarazione di indipendenza che proclama l’indipendenza degli Stati Uniti d’America dalla Gran Bretagna e dal suo re.

La dichiarazione arrivò 442 giorni dopo che le prime raffiche della rivoluzione americana furono sparate a Lexington e Concord in Massachusetts e segnò un’espansione ideologica del conflitto che alla fine avrebbe incoraggiato l’intervento della Francia a favore dei patrioti.

La prima grande opposizione americana alla politica britannica arrivò nel 1765 dopo che il Parlamento approvò lo Stamp Act, una misura fiscale per aumentare le entrate per un esercito britannico permanente in America. Sotto la bandiera di “nessuna tassazione senza rappresentanza”, i coloni convocarono il Congresso dello Stamp Act nell’ottobre 1765 per esprimere la loro opposizione alla tassa.

Con la sua entrata in vigore a novembre, la maggior parte dei coloni ha chiesto il boicottaggio delle merci britanniche e alcuni hanno organizzato attacchi alle dogane e alle case degli esattori delle tasse. Dopo mesi di proteste nelle colonie, il Parlamento votò nel marzo 1766 per abrogare lo Stamp Act.

Perché le colonie americane hanno dichiarato l’indipendenza?

La rottura dei coloni americani con l’Impero britannico nel 1776 non fu un atto improvviso e impetuoso. Anzi, l’unione delle 13 colonie per combattere e vincere una guerra di indipendenza contro la Corona fu il culmine di una serie di eventi, iniziati più di un decennio prima.

Le escalation sono iniziate poco dopo la fine della guerra franco-indiana, nota altrove come la Guerra dei sette anni nel 1763.

Per recuperare parte dell’enorme debito rimasto dalla guerra con la Francia, il Parlamento approvò leggi come lo Stamp Act, che per la prima volta tassava un’ampia gamma di transazioni nelle colonie.

La maggior parte dei coloni continuò ad accettare silenziosamente il dominio britannico fino all’emanazione del Tea Act da parte del Parlamento nel 1773, un disegno di legge progettato per salvare la vacillante Compagnia delle Indie Orientali abbassando notevolmente la sua tassa sul tè e concedendole il monopolio sul commercio del tè americano.

 

Il Parlamento tentò ancora una volta di affermare la propria autorità approvando una legge per tassare i beni che gli americani importavano dalla Gran Bretagna. La Corona istituì un consiglio di commissari doganali per fermare il contrabbando e la corruzione tra i funzionari locali nelle colonie, che erano spesso coinvolti nel commercio illecito.

Gli americani reagirono organizzando un boicottaggio delle merci britanniche soggette a tassazione e iniziarono a molestare i commissari doganali britannici. Nel tentativo di sedare la resistenza, gli inglesi inviarono truppe ad occupare Boston, cosa che aumentò notevolmente i malumori dei cittadini.

L’Inghilterra alla fine ritirò le proprie forze da Boston e abrogò gran parte dell’onerosa legislazione di Townshend. Ma lasciarono in vigore la tassa sul tè e nel 1773 promulgò una nuova legge, il Tea Act, per sostenere la British East India Company, in difficoltà finanziaria. L’atto ha concesso alla società un trattamento favorevole esteso ai sensi delle normative fiscali, in modo che potesse vendere il tè a un prezzo inferiore ai commercianti americani che importavano dai commercianti olandesi.

Non andava bene per gli americani. Non volevano che gli inglesi dicessero loro che dovevano comprare il loro tè, ma non si trattava solo di questo. Gli americani volevano essere in grado di commerciare con qualsiasi paese.

Così i Sons of Liberty, un gruppo radicale, decisero di affrontare gli inglesi a testa alta. Sottilmente travestiti da Mohawk, popolo di nativi americani, salirono a bordo di tre navi nel porto di Boston e distrussero più di 92.000 libbre di tè britannico scaricandolo nel porto. Per sottolineare che erano ribelli piuttosto che vandali, hanno evitato di ferire qualcuno dell’equipaggio o di danneggiare le navi stesse, e il giorno dopo hanno persino sostituito un lucchetto che era stato rotto.

I coloni vedevano come una forma di repressione la legge. Si risentivano non solo di dover acquistare merci dagli inglesi, ma anche di pagare le tasse su di loro. Alla fine, Benjamin Franklin convinse gli inglesi a revocare la legge, ma ciò non fece che peggiorare le cose. Questo risultato fece pensare ai coloni di poter respingere tutto ciò che gli inglesi volevano.

Tuttavia, l’atto di sfida aveva davvero stuzzicato il governo britannico. Molti azionisti della Compagnia delle Indie Orientali erano membri del Parlamento. Ognuno di loro aveva pagato 1.000 sterline – che probabilmente sarebbero circa un milione di dollari ora – per una quota della società, per ottenere una parte dell’azione da tutto questo tè che avrebbero dovuto bere i coloni. Quindi, quando queste persone di basso livello a Boston hanno distrutto il loro tè, è stata una cosa seria per loro.

In risposta al Boston Tea Party, il governo britannico decise che doveva domare i coloni ribelli del Massachusetts. Nella primavera del 1774, il Parlamento approvò una serie di leggi, i Coercive Acts, che chiudevano il porto di Boston fino al pagamento della restituzione per il tè distrutto, sostituivano il consiglio eletto della colonia con uno nominato dagli inglesi, conferiva ampi poteri al governatore militare britannico Generale Thomas Gage, e proibì le riunioni cittadine senza approvazione.

Ancora un’altra disposizione proteggeva i funzionari coloniali britannici accusati di reati capitali dall’essere processati in Massachusetts, richiedendo invece che fossero inviati in un’altra colonia o tornati in Gran Bretagna per il processo.

Ma forse la disposizione più provocatoria fu il Quartering Act, che consentiva ai funzionari militari britannici di chiedere alloggi per le loro truppe in case ed edifici non occupati nelle città, piuttosto che dover rimanere in campagna. Sebbene non costringesse i coloni a ospitare le truppe nelle proprie case, dovevano pagare le spese per l’alloggio e l’alimentazione dei soldati inglesi.

Il generale britannico Thomas Gage guidò una forza di soldati britannici da Boston a Lexington, dove progettò di catturare i leader radicali coloniali Sam Adams e John Hancock, per poi inviare le truppe a Concord (Massachusetts), nell’aprile 1775, per impadronirsi di un arsenale dei patrioti.

Sul Lexington Common, la forza britannica è stata affrontata da 77 miliziani americani e hanno iniziato a spararsi l’un l’altro. Sette americani morirono, ma altri miliziani riuscirono a fermare gli inglesi a Concord.

Gli inglesi persero 73 soldati, con altri 174 feriti e 26 dispersi. Il sanguinoso incontro dimostrò agli inglesi che i coloni erano nemici temibili e che dovevano essere presi sul serio. Fu l’inizio della guerra d’indipendenza americana.

Sebbene le ostilità della guerra rivoluzionaria siano iniziate con Lexington e Concord, si afferma che all’inizio non era chiaro se le colonie del sud, i cui interessi non si allineassero necessariamente con le colonie del nord, sarebbero state tutte per una guerra di indipendenza.

I meridionali dipendevano totalmente dagli inglesi per acquistare i loro raccolti e non si fidavano degli yankee. E nel New England, i puritani pensavano che i meridionali fossero pigri.

Ma questo era prima che i brutali bombardamenti navali britannici e gli incendi delle città costiere di Falmouth, Massachusetts e Norfolk, in Virginia, contribuissero a unificare le colonie.

Come ha scritto lo storico Holger Hoock, l’incendio di Falmouth ha scioccato il generale George Washington, che lo ha denunciato come “superiore in barbarie e crudeltà a ogni atto ostile praticato tra le nazioni civili”.

Allo stesso modo, a Norfolk, l’orrore degli edifici in legno della città andati in fiamme dopo un bombardamento navale di sette ore ha scioccato i meridionali, che sapevano anche che gli inglesi stessero offrendo agli afroamericani la loro libertà se avessero preso le armi dalla parte lealista.

I capi della ribellione si impadronirono dei due porti per sostenere che i coloni avessero bisogno di unirsi per sopravvivere contro un nemico spietato e abbracciare il bisogno di indipendenza, uno spirito che alla fine avrebbe portato alla loro vittoria.

I coloni in seguito convocarono il primo Congresso continentale per prendere in considerazione una resistenza americana.

Con le altre colonie che osservavano attentamente, il Massachusetts guidò la resistenza contro gli inglesi, formando un governo rivoluzionario ombra e stabilendo milizie per resistere alla crescente presenza militare britannica in tutta la colonia.

Inizialmente, sia gli americani che gli inglesi vedevano il conflitto come una sorta di guerra civile all’interno dell’impero britannico: per re Giorgio III era una ribellione coloniale, e per gli americani era una lotta per i loro diritti di cittadini.

Tuttavia, il Parlamento rimase riluttante a negoziare con i ribelli americani e acquistò invece mercenari tedeschi per aiutare l’esercito britannico a schiacciare la ribellione. In risposta alla continua opposizione della Gran Bretagna alle riforme, il Congresso continentale iniziò ad approvare misure per l’abolizione dell’autorità britannica nelle colonie.

La dichiarazione d’indipendenza

Nel gennaio 1776, Thomas Paine pubblicò “Common Sense”, un influente pamphlet politico che sosteneva in modo convincente l’indipendenza americana e vendette più di 500.000 copie in pochi mesi. Nella primavera del 1776, il sostegno all’indipendenza si diffuse nelle colonie, il Congresso continentale invitò gli stati a formare i propri governi e un comitato di cinque uomini fu incaricato di redigere una dichiarazione.

La Dichiarazione di Indipendenza è stata in gran parte opera di Thomas Jefferson. Nel giustificare l’indipendenza americana, Jefferson attinse generosamente alla filosofia politica di John Locke, un sostenitore dei diritti naturali, e al lavoro di altri teorici inglesi.

La prima sezione presenta le famose righe: “Noi riteniamo che le seguenti verità siano di per se stesse evidenti; che tutti gli uomini sono stati creati uguali, che essi sono dotati dal loro Creatore di alcuni Diritti inalienabili, che fra questi sono la Vita, la Libertà e la ricerca della Felicità; che allo scopo di garantire questi diritti, sono creati fra gli uomini i Governi, i quali derivano i loro giusti poteri dal consenso dei governati; che ogni qual volta una qualsiasi forma di Governo, tende a negare tali fini, è Diritto del Popolo modificarlo o distruggerlo, e creare un nuovo governo, che ponga le sue fondamenta su tali principi e organizzi i suoi poteri nella forma che al popolo sembri più probabile possa apportare Sicurezza e Felicità”. La seconda parte presenta un lungo elenco di rimostranze che hanno fornito la motivazione per la ribellione.

Il 2 luglio 1776, il Congresso continentale votò per approvare una mozione della Virginia che chiedeva la separazione dalla Gran Bretagna. Le drammatiche parole di questa risoluzione si sono aggiunte alla chiusura della Dichiarazione di Indipendenza. Due giorni dopo, il 4 luglio, la dichiarazione fu formalmente adottata da 12 colonie dopo una revisione minore. New York l’ha approvato il 19 luglio. Il 2 agosto è stata firmata la dichiarazione.

La guerra rivoluzionaria sarebbe durata per altri cinque anni. Dovevano ancora venire i trionfi dei patrioti a Saratoga, l’inverno rigido a Valley Forge, l’intervento dei francesi e la vittoria finale a Yorktown nel 1781. Nel 1783, con la firma del Trattato di Parigi con la Gran Bretagna, gli Stati Uniti divennero formalmente una nazione libera e indipendente.

Related posts

Intervista ad Andrea Orlando(Pd) “L’Europa non deve essere piegata sulla dimensione del rigore e dell’austerità”

Intervista all’on. Giuseppe Lupo: “Noi vogliamo l’Europa di David Sassoli, il quale diceva che ‘l’Europa deve innovare, proteggere ed essere faro”.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi è morto in un incidente in elicottero