17 agosto 1969: Si conclude il Woodstock Music Festival

Di Eugenio Magnoli

Il 17 agosto 1969, nello stato di New York, uno degli eventi più groovy di tutti i tempi nella storia della musica, la Woodstock Music & Art Fair, si conclude dopo tre giorni di pace, amore e rock ‘n’ roll.

Concepito come “Tre giorni di pace e musica”, Woodstock è stato il prodotto di una partnership tra John Roberts, Joel Rosenman, Artie Kornfield e Michael Lang. La loro idea era di ricavare abbastanza soldi dall’evento per costruire uno studio di registrazione vicino all’artistica cittadina di New York di Woodstock. Quando non sono riusciti a trovare un luogo appropriato nella città stessa, i promotori hanno deciso di organizzare il festival in un caseificio di 600 acri a Bethel, New York, a circa 50 miglia da Woodstock, di proprietà di Max Yasgur.

Quando arrivò il fine settimana del festival, il gruppo aveva venduto un totale di 186.000 biglietti e si aspettava che non si presentassero più di 200.000 persone. Entro venerdì sera, tuttavia, migliaia di primi arrivati ​​impazienti stavano spingendo contro i cancelli d’ingresso. Temendo di non poter controllare la folla, i promotori hanno deciso di aprire il concerto a tutti, gratuitamente. Quasi mezzo milione di persone hanno partecipato a Woodstock, intasando le strade intorno alla Betel con otto miglia di traffico.

Inzuppati dalla pioggia e sguazzati nella confusione fangosa dei campi di Yasgur, i giovani fan meglio descritti come “hippies” hanno assistito con euforia alle esibizioni di artisti come Janis Joplin, Arlo Guthrie, Joe Cocker, Joan Baez, Creedence Clearwater Revival, The Grateful Dead, Jefferson Aereo, Sly e la famiglia Stone e Crosby, Stills, Nash e Young. Gli Who si sono esibiti nelle prime ore del mattino del 17 agosto, con Roger Daltrey che cantava “See Me, Feel Me”, dall’ormai classico album Tommy proprio mentre il sole iniziava a sorgere.

Il momento più memorabile del concerto per molti fan è stata l’esibizione di chiusura di Jimi Hendrix, che ha eseguito un’esibizione di chitarra solista sconclusionata e rock di “The Star Spangled Banner”.

Con non abbastanza servizi igienici e tende di pronto soccorso per ospitare una folla così grande, molti hanno descritto l’atmosfera al festival come caotica. Ci sono stati sorprendentemente pochi episodi di violenza, anche se un adolescente è stato accidentalmente investito e ucciso da un trattore e un altro è morto per overdose. Un certo numero di musicisti ha eseguito canzoni che esprimevano la loro opposizione contro la guerra del Vietnam, un sentimento condiviso con entusiasmo dalla stragrande maggioranza del pubblico. Più tardi, il termine “Woodstock Nation” sarebbe stato usato come termine generale per descrivere la controcultura giovanile degli anni ’60.

Una celebrazione del 25° anniversario di Woodstock ha avuto luogo nel 1994 a Saugerties, New York. Conosciuto come Woodstock II, il concerto ha visto la partecipazione di Bob Dylan e Crosby, Stills e Nash, nonché di artisti più recenti come Nine Inch Nails e Green Day. Tenutosi durante un altro fine settimana piovoso e fangoso, l’evento ha attirato circa 300.000 persone. Un altro Woodstock di minor successo si è tenuto nel 1999. Un importante festival per il 50° anniversario era previsto per il 2019, ma non è mai stato realizzato.

Related posts

Intervista all’on. Giuseppe Lupo: “Noi vogliamo l’Europa di David Sassoli, il quale diceva che ‘l’Europa deve innovare, proteggere ed essere faro”.

Sciopero Rai: I giornalisti si ribellano al bavaglio meloniano

Ucraina: Le Nazioni Unite affermano che un missile della Corea del Nord è esploso a Kharkiv